“In piedi da ore, sollevo una cesta dal nastro e me la metto davanti. Prendo il primo prodotto, lo scansiono e con una rotazione che a volte sfiora i 180 gradi lo metto a sinistra, in una delle dodici ceste che il computer mi indica. Prendo il prodotto successivo e obbedisco di nuovo al pc. Poi un altro ancora, veloce. La mente è svuotata, annullata dalla continua ripetizione degli stessi movimenti. Benché automatici, richiedono un’attenzione continua sulla singola azione. Se mi distraggo, metto i pezzi nella destinazione sbagliata e dovrò chiamare il problem solver”.

Inizia così il reportage esclusivo di Luigi Franco, che è riuscito a farsi assumere in incognito come lavoratore interinale al magazzino di Amazon di Castel San Giovanni (Piacenza), dove ha lavorato nel periodo di picco in vista del Black Friday e di Natale. Tra il dio target, i briefing motivazionali e gli immaginari orwelliani, quali sono le reali condizioni dei lavoratori in Amazon? Il suo racconto esce in esclusiva su Fq MillenniuM, il mensile diretto da Peter Gomez, in edicola da sabato 8 dicembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pubblica amministrazione, primo sì del Senato al ddl concretezza. Impronte digitali per i controlli anti assenteismo

prev
Articolo Successivo

Disoccupazione, per combatterla servono le politiche attive. Ma in Italia ce ne dimentichiamo

next