Una serie di tweet di fila, uno dopo l’altro, tutti rivolti contro il ministro dell’Interno italiano. A lanciare la critica a Matteo Salvini è Pamela Anderson, attrice naturalizzata statunitense, resa famosa dalla serie Baywatch. “La soluzione non sono più Macron o Salvini, che hanno bisogno l’uno dell’altro e si rafforzano a vicenda. La soluzione non può che essere un risveglio pan-europeo che attraversi i confini e le nazionalità, in grado di affrontare la profonda crisi economica, sociale ed ecologica dell’Europa oggi”, ha cinguettato la showgirl.

La bagnina più amata della televisione ha continuato sottolineando: “Salvini ha recentemente affermato che ‘Macron è un problema per i francesi’, il che significa che ciò che sta accadendo attualmente in Francia, con le proteste gilet gialli, è qualcosa che riguarda solo i francesi. Questo è sbagliato”.

Ma non solo. La Anderson, amante del nostro paese, ha anche paventato un possibile ritorno al fascismo. “Pensieri dall’Italia. È un paese bellissimo e mi piace così tanto, dal suo cibo alla sua moda, dalla sua storia alle sue arti, ma sono molto preoccupata per le tendenze attuali che mi ricordano degli anni ’30“, ha scritto, evidenziando poi in un altro tweet che questa paura viene da ciò che sta accadendo in tutti i settori della società, dagli attacchi quotidiani contro i migranti alla crisi economica.

I cinguettii dell’attrice hanno subito fatto il giro del web e in tanti hanno commentato le sue affermazioni. Alcuni utenti, oltre a congratularsi per le sue parole, hanno addirittura suggerito alla Anderson di candidarsi per le primarie del Partito democratico o di unirsi all’Internazionale progressista. E non tarda ad arrivare la risposta di Salvini che inserisce la bionda Pamela nella campagna “non ci sarà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabrizio Corona: “Scenderò in politica. Non mi sento molto diverso da Saviano, soprattutto da un punto di vista culturale”

prev
Articolo Successivo

Accademia di Brera, Romeo Gigli socio onorario: il riconoscimento allo stilista maestro di McQueen

next