“Quel giorno a Roma non c’era nessuno: fui aggredita in una stradina, mi strapparono i lobi delle orecchie, hanno provato a violentarmi ma mi difesi con le unghie e con i denti, poi è intervenuto qualcuno quando sono svenuta”. Ospite di Vieni da Me, Maria Teresa Ruta ha ricordato così a Caterina Balivo il tentativo di stupro subito il 14 agosto del 1977.

La conduttrice ha raccontato poi come è riuscita a superare quel terribile episodio: “Mi ha aiutato il lavoro, ho tenuto duro”. E sul matrimonio finito con Amedeo Goria rivela: “L’abbiamo detto solo dopo molto tempo ai nostri figli. Avevo detto che sarei andata a Roma per lavoro: quando hanno scoperto della nostra separazione ci sono rimasti male”. Infine, una battuta sulla sua hit anni Ottanta de La focaccia: “Volevano farmi diventare la Carrà-bis: se l’avesse cantata Raffaella sarebbe diventata un successone”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michela Magalli prima pubblica foto in ospedale chiedendo “pensieri e preghiere”, poi se la prende con i “giornalisti terroristi”

prev
Articolo Successivo

Bruno Vespa: “Accarezzo ancora la fontanella di mio figlio Federico di 39 anni e lui ricambia”

next