“Dopo il loro comportamento iniziale non sono attendibili, non ci sarà sviluppo, nessuno dei colleghi aderisce – così Otto Naldi, uno dei tassisti torinesi, in merito al lancio di Uber Taxi a Torino -. Non siamo stati informati ufficialmente e non siamo d’accordo perché dopo il comportamento iniziale hanno cercato una mediazione ma non è così che si fa. Usiamo quotidianamente We Taxi, app simile, ci troviamo bene. Torino avrebbe tre app che fanno la stessa cosa, c’è anche My Taxi” ha dichiarato il tassista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, narcotizzava i suoi amanti con gli ansiolitici e poi rapinava contanti e carte. Arrestata “mantide” trentenne

prev
Articolo Successivo

Gallarate, comunità sinti sgomberata: “Non ce ne andremo, piuttosto dormiamo al freddo”. Il sindaco leghista: “Via da qui”

next