Le abitudini alimentari degli italiani sono sempre più improntate a una maggiore attenzione alla qualità del cibo. Ma i consumatori sono sempre consapevoli delle scelte che fanno? Certificazioni e provenienza sono sempre chiare e trasparenti? Quali convinzioni alimentari sono corrette e quali invece sono solo una moda? Lo racconta lo speciale di Sky TG24 “Un piatto di salute – Atto secondo”, in onda lunedì 3 dicembre alle 20.20 e disponibile su Sky On Demand.

Con il direttore Sarah Varetto, lo speciale prova a fare chiarezza sulle insidie che possono nascondersi in alcuni alimenti e prodotti, indagando sui sistemi di certificazione, sui controlli, sulle norme vigenti, talvolta lacunose, oltre che su false credenze e pregiudizi diffusi riguardo all’alimentazione.

 Nuove mode e diete hanno portato a un forte aumento dell’uso – e dunque del business – degli integratori, della cui composizione ed effettiva utilità i consumatori hanno spesso scarsa consapevolezza. La qualità del cibo che mangiamo, tra cui quello a prezzi troppo bassi come nei sempre più diffusi “all you can eat”, non è sempre garantita e la sua provenienza è a volte dubbia. Di molti alimenti presenti nella nostra dieta, come il latte, non si conoscono a fondo benefici, svantaggi e possibili rischi. Nelle coltivazioni biologiche, ritenute più salutari, gli obblighi per i produttori e i criteri di certificazione non sono sempre chiari e sufficientemente rigorosi. I prodotti senza glutine riscuotono sempre più successo, ma il consumo di questi alimenti non è salutare per chi non è intollerante. Ci sono poi autentici paradossi come quello degli OGM: la produzione è vietata in Italia, ma molte nostre coltivazioni sono comunque prodotti di laboratorio  non esistenti in natura e necessitano per di più di ripetuti trattamenti chimici.

 I reportage, a cura di Alessandro Marenzi e Andrea Bignami, sono stati realizzati da Paola Baruffi, Tonia CartolanoFrancesca CersosimoChiara Piotto e Ketty Riga.  

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tiziana Ferrario dice addio alla Rai: “40 anni entusiasmanti anche nei momenti più difficili”

next
Articolo Successivo

Nanni Moretti a Che tempo che fa: “Ius soli errore vergognoso del Pd. Mi incazzo perché sono uno dei pochi elettori rimasti”

next