Sono trenta le persone che questa mattina sono state raggiunte da misure restrittive eseguite da parte di polizia e carabinieri in una importante operazione antimafia a Foggia, che ha smantellato le due principali “batterie” criminali della città pugliese. Sono tutti presunti componenti dei clan mafiosi Moretti-Pellegrino-Lanza e Sinesi-Francavilla. Una decina i pregiudicati che si trovano già in carcere. I reati contestati sono, a vario titolo, di associazione di stampo mafioso, estorsioni e tentato omicidio. Dagli atti emergono anche presunte pressioni che sarebbero state esercitate negli anni scorsi su dirigenti, ex dirigenti ed ex allenatore del Foggia Calcio per l’ingaggio di un calciatore.

In questa intercettazione, uno dei capi dell’organizzazione si rivolge a uno dei sodali spiegando i termini della richiesta estorsiva da avanzare a un commerciante della zona e il tono con il quale dovrà rivolgersi all’imprenditore, chiarendo che “il Comune alza e abbassa le finestre, diglielo”. Una sorta di paragone di se stesso alle istituzioni locali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alessandro Maria Montresor trasferito al Bambino Gesù di Roma: la speranza è il trapianto di midollo da genitore

next
Articolo Successivo

Arezzo, Pacini non risponde ai magistrati. Legali: ‘Aspettiamo relazione su autopsia’ Risultati: ‘Tonjoc ucciso da emorragia’

next