È Rai1 a trasmettere in chiaro una partita delle squadre italiane in Champions League, ieri sera la rete ammiraglia del servizio pubblico ha dato spazio a Tottenham-Inter. Gara che ha visto i londinesi vincitori per una rete a zero e i nerazzurri non più artefici del proprio destino per la qualificazione agli ottavi. A innervosire i tifosi dell’Inter non solo la prestazione in campo della squadra ma anche un commento fuorionda di Antonio Di Gennaro. La seconda voce in telecronaca non credendo di essere in onda nel post partita si è lasciato andare: “Squadraccia!”.

Il collega Marco Lollobrigida, prima voce in telecronaca, gli lancia un’occhiataccia come ad avvisarlo per il ritorno in video. In molti hanno pensato che il giudizio dell’ex calciatore fosse riferito alla sconfitta dei nerazzurri e sono subito piovute critiche tra insulti, perfino richieste di licenziamento tra le minacce di non pagare più il canone. Di Gennaro sui social ha fornito la sua versione dei fatti, spiegando che le sue parole non erano riferite alla squadra di Spalletti: “In relazione al fuori onda: ’squadraccia’ non era riferito all’Inter ma ad una precisa domanda che mi aveva fatto il collega, prima di rientrare in collegamento, sulla squadra del mio ex allenatore Terim (Galatasaray), ancora sconfitta in Russia. Mi dispiace per il disguido. Non mi permetterei mai! Soprattutto per i tanti tifosi interisti”

I tifosi nerazzurri crederanno a questa versione? Non ha dubbi il suo ex collega Sandro Piccinini che su Twitter ha commentato l’episodio: “Se Antonio Di Gennaro, un gentiluomo d’altri tempi, dice che parlando di ‘squadraccia’ pensava al Galatasaray del suo amico Terim io gli credo. Spero facciate lo stesso anche voi.” Nei minuti precedenti non era passato inosservato un tweet di Mario Martinez, padre di Lautaro. “Continua così e finirà la tua buona sorte“, aveva scritto aggiungendo l’insulto, che non necessita di traduzioni, “cagon”.  Il papà dell’attaccante dell’Inter non ha gradito la scelta di Spalletti, a cui erano riferite le parole, di non schierare in campo suo figlio nel corso dei novanta minuti di gioco. Una serata social movimentata.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nina Moric, lite furiosa con Alda D’Eusanio per colpa di Fabrizio Corona: “Sei una donna sola e in menopausa”

next
Articolo Successivo

Ylenia Carrisi, il messaggio di Romina Power per il compleanno della figlia scomparsa: “Tanti auguri, ovunque tu sia”

next