“Parlare di inceneritori oggi è come parlare della cabina telefonica con il telefono a gettoni. Qualcuno può essere ancora affascinato dal vintage, ma sempre vintage rimane”. Lo ha detto il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, a Pomigliano d’Arco (Napoli) per la prima tappa del suo tour campano che oggi culminerà nella firma di un protocollo sulla Terra dei fuochi nella Prefettura di Caserta. “Abbiamo fatto un contratto di governo oltre 6 mesi fa – ha ricordato Di Maio – e quando ci vediamo e ci mettiamo al tavolo alla fine si va sempre avanti”. Sul tema degli inceneritori sollevato da Matteo Salvini, Di Maio ha ricordato che “per fare un inceneritore non ci vuole un giorno ma anni e anni. Negli anni facciamo la differenziata e guardiamo al futuro invece di guardare al passato, dobbiamo investire sulla differenziata perché si creano più posti di lavoro. Siamo al 50% e in pochi anni possiamo arrivare a percentuali in media Ue”, ha concluso Di Maio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alta velocità, scontro nel M5s a Torino. Carretto: “In corteo l’8 dicembre con il simbolo del Comune”. Appendino dice no

next
Articolo Successivo

Inceneritori, Fontana conferma: “Stop a rifiuti dal Sud, chiederemo che cambi la legge dello Stato”

next