Non ci hanno pensato due volte e tra lasciare morire i pinguini che osservavano e riprendevano da oltre un anno, 377 giorni per la precisione, e permettergli con un piccolo intervento di sopravvivere, hanno scelto di agire. I componenti di una troupe della Bbc, come racconta La Repubblica, durante l’ultima puntata di Dynasties, il programma di Sir David Attenborough, hanno costruito una piccola pedana di neve per agevolare l’uscita da una gola di un gruppo di pinguini imperatore che trasportavano i loro piccoli sulle zampe. Una fatica immensa come chi ha imparato guardando il documentario La marcia dei pinguini del 2005 del regista francesce Luc Jacquet che ha mostrato tutta il peso della lotta per la sopravvivenza in Antartide.

Will Lawson, regista, Lindsay McCrae, cameraman, e Stefan Christmann, l’assistente, hanno capito che i cuccioli sarebbero morti. E così violando una delle regole principali dei documentaristi, tra cui Attenborough, sono intervenuti. Michael Gunton, il direttore esecutivo del programma, al Sun ha offerto una spiegazione che potrebbe accontentare anche i più scettici: “Abbiamo una norma per cui intervenire potrebbe essere pericoloso e distorsivo, ma quei pinguini sarebbero sicuramente morti per un tragico scherzo della natura. Quante critiche avremmo ricevuto se non fossimo intervenuti a salvarli?“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Angiolini è il medico più bello d’Italia: “Con uno così i dolori bisognerebbe inventarli”

next
Articolo Successivo

Antonella Cavalieri rivela: “Ecco perché ho lasciato Paulo Dybala”

next