IN GUERRA  di Stéphane Brizé. Con Vincent Lindon, Mélanie Rover, Jacques Borderie. Francia 2018. Durata: 113’. Voto: 4/5 (AMP)

Una fabbrica francese a bilancio positivo chiude improvvisamente e gli impiegati licenziati in massa dichiarano guerra ai padroni. Niente di più ovvio e niente di più furioso dentro al dolore infinito che una tale ingiustizia comporta. Brizé torna sui danni fatali de La Legge del Mercato ma li esaspera per bellicosa drammaticità in un’opera esemplare di cinema di denuncia. La guerra è combattuta a martellate verbali, dialoghi che sembrano cannonate contro un nemico tossico ed impietoso. Alla guida il gigantesco Vincent Lindon, il sindacalista portavoce di un disagio troppo pesante per essere finzione. E infatti è cinema-verità, e della miglior specie.

Film in uscita, da In Guerra a Cosa fai a Capodanno? Cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tom Cruise fatto fuori dalla saga di Jack Reacher: “È troppo basso”

next
Articolo Successivo

Nuovo cinema paradiso, 30 anni fa l’esordio (da incubo) di un film da Oscar

next