È andato in malattia per quasi dieci anni, ma in realtà lavorava nel bar di un circolo ricreativo in provincia di Salerno ed era perfettamente sano. Per questo un caporale maggiore scelto, in servizio al Reggimento supporto tattico e logistico di Solbiate Olona, in provincia di Varese, è stato condannato dal tribunale militare a quattro anni di reclusione e alla rimozione del grado. Secondo le ricostruzioni, l’uomo ha percepito negli anni indebitamente circa 192mila euro di stipendi per i quali si procederà al recupero. Intanto il militare era già stato destituito dal servizio.

Il sottufficiale è stato accusato di simulazione d’infermità, truffa militare e diserzione. Grazie alle indagini del pm Luca Sergio, infatti, è stato accertato che l’uomo fingeva un dolore alla spalla, conducendo in realtà una vita del tutto regolare. Oltre a lavorare nel caffè, il caporale guidava senza problemi l’automobile e faceva passeggiate con il figlio in braccio.

Sono centinaia i certificati medici, ottenuti da diversi dottori e inviati al reparto, che attestavano la sua infermità. L’uomo, infatti, saltava le visite di controllo presso l’ospedale militare, scegliendo medici privati. Agli esami si presentava dolorante, spesso indossando un tutore per il braccio, omettendo che in diverse occasioni le autorità sanitarie militari lo avevano già giudicato di nuovo idoneo al servizio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, sette autobus in fiamme nella notte. Fermato un uomo: “Non mi facevano salire senza biglietto”

next
Articolo Successivo

Milano, i lavoratori del Cas di via Corelli per i migranti: “Con il decreto sicurezza si perdono 70 posti di lavoro”

next