senatori del Pd hanno presentato un’interrogazione urgente diretta al ministro dell’Interno Matteo Salvini sulla vicenda di Eleonora, la romana di 59 anni che ha fischiato e urlato “Buffone” al vicepresidente e per questo è stata strattonata, trascinata in commissariato e denunciata dalla polizia. “Quali sono stati gli ordini e le indicazioni che hanno portato una squadra di agenti della polizia in borghese a strattonare e denunciare a Roma una donna che manifestava il suo dissenso al ministro Salvini in modo assolutamente non violento?”, si legge nel documento presentato a Palazzo Madama. “Il governo ha per caso l’intenzione di abolire gli articoli 17 e 21 della Costituzione che consentono ai cittadini di manifestare liberamente il proprio pensiero e di riunirsi pacificamente?”, si chiedono ancora i parlamentari Pd, preoccupati che la libertà di parola possa diventare reato.

Il documento, che ha come primo firmatario il senatore Dario Parrini, è stato sottoscritto anche dal capogruppo a Palazzo Madama, Andrea Marcucci e da un’altra ventina di senatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Genova, l’anagrafe registra la figlia di due mamme. “È il terzo caso in Italia”

next
Articolo Successivo

Contraccettivi gratuiti agli under 26 e prevenzione, anche la Toscana dà via libera: “Salute sessuale al primo posto”

next