senatori del Pd hanno presentato un’interrogazione urgente diretta al ministro dell’Interno Matteo Salvini sulla vicenda di Eleonora, la romana di 59 anni che ha fischiato e urlato “Buffone” al vicepresidente e per questo è stata strattonata, trascinata in commissariato e denunciata dalla polizia. “Quali sono stati gli ordini e le indicazioni che hanno portato una squadra di agenti della polizia in borghese a strattonare e denunciare a Roma una donna che manifestava il suo dissenso al ministro Salvini in modo assolutamente non violento?”, si legge nel documento presentato a Palazzo Madama. “Il governo ha per caso l’intenzione di abolire gli articoli 17 e 21 della Costituzione che consentono ai cittadini di manifestare liberamente il proprio pensiero e di riunirsi pacificamente?”, si chiedono ancora i parlamentari Pd, preoccupati che la libertà di parola possa diventare reato.

Il documento, che ha come primo firmatario il senatore Dario Parrini, è stato sottoscritto anche dal capogruppo a Palazzo Madama, Andrea Marcucci e da un’altra ventina di senatori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genova, l’anagrafe registra la figlia di due mamme. “È il terzo caso in Italia”

prev
Articolo Successivo

Contraccettivi gratuiti agli under 26 e prevenzione, anche la Toscana dà via libera: “Salute sessuale al primo posto”

next