Karl Marx colpevole o innocente? È con questa domanda che La Storia a Processo debutta a Roma, al teatro Eliseo. Il format è semplice: un processo sul palco, con “magistrati, avvocati, personalità della cultura e della società civile che vanno a braccio, esponendo le loro tesi contrapposte”. Al pubblico in sala, giuria popolare, il compito di emettere il verdetto finale.
Protagonista del primo spettacolo e imputato eccellente, ieri sera al teatro di Via Nazionale, Karl Marx interpretato dal sociologo e professore Domenico De Masi.
A distanza di duecento anni, un fallimento oppure una vittoria per colui che resta “uno dei più grandi intellettuali dell’Ottocento” e “che certamente ha influenzato tutto il Novecento”, chiosa Fausto Bertinotti, sul palco nei panni dell’avvocato difensore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Mimmo Lucano: “Minniti? Inutile che dica ‘io sto con Riace’. Quando era ministro non ha fatto nulla per il mio paese”

next
Articolo Successivo

Sicurezza è libertà? Finalmente posso parlare bene del libro di Minniti

next