È finito l’amore fra Marco Tronchetti Provera e Afef Jnifen. L’amministratore delegato di Pirelli e la showgirl si separano. I legali degli ormai ex coniugi hanno depositato l’istanza di separazione ai primi di novembre al Tribunale di Milano. Il giudice Anna Cattaneo, presidente della nona sezione, specializzata in diritto di famiglia, a breve fisserà l’udienza in cui il manager e l’ex modella e presentatrice televisiva dovranno trovare un accordo sui termini della separazione.

Si chiude così una storia d’amore ventennale tra Tronchetti Provera, oltre trent’anni trascorri in Pirelli, appassionato di vela e tifoso dell’Inter da sempre, e la bellissima Afef, conosciuta al grande pubblico in Italia da quando, nel 1996 e nel 1997, ha iniziato a essere ospite fissa al Maurizio Costanza Show Poi la conduzione di Nonsolomoda su Mediaset e il passaggio alla Rai per condurre con Fabrizio FrizziScommettiamo che…?’. Gli appassionati di gossip e non solo ricordano quel 22 dicembre 2001. Un “sì” di lusso alla Primula, la villa a Portofino del manager e di Afef. Un matrimonio blindatissimo per una coppia vip. Ma quell’amore, dopo 17 anni, è finito.

Per Tronchetti Provera è stato il terzo ‘sì’. Dopo il primo matrimonio con la giornalista Letizia Rittatore Vonwiller e il secondo con Cecilia Pirelli, figlia di Leopoldo – l’allora patron del gruppo omonimo gruppo industriale – nel 1978, da cui sono nati i figli Giada, Giovanna e Ilaria. Solo alcuni giorni fa il settimanale Chi ha pubblicato degli scatti della showgirl tunisina naturalizzata italiana che festeggiava da sola i suoi 55 anni. E in molti si erano chiesti il perché dell’assenza del manager di successo. A consolare Afef, in quella circostanza, ci ha pensato l’amica Naomi Campbell, che ha inviato alla bellissima tunisina un mazzo di fiori con su scritto: “Buon compleanno sorella”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Keith Haring, corsa contro il tempo per salvare i suoi murales dal degrado: il restauro affidato a un team di scienziati italiani

prev
Articolo Successivo

Adriana Lima dice addio a Victoria’s Secret: lacrime e mani sul cuore nella sua ultima sfilata da “angelo”

next