Fabrizio Corona, ospite del salotto di Verissimo, non si risparmia (e d’altronde, non è tipo che lo fa quasi mai). Nell’intervista in onda sabato 10 novembre, l’ex re dei paparazzi ha spaziato su molti argomenti, a cominciare da quello più chiacchierato nelle ultime ore, la storia con Asia Argento: “Sono presissimo, mi piace tantissimo. Asia non è come le altre ragazze, è un’altra cosa. Si è letta i miei libri. Dopo aver fatto l’amore mi ha chiesto una dedica sul mio libro ‘Mea culpa’ e le ho scritto: ‘Tu sei Dio e a me piacerebbe tornare a crederci di nuovo’ – ha raccontato a Silvia Toffanin – Ci sentiamo tutti i giorni, la rivedrò settimana prossima. Voglio passare del bellissimo tempo con lei. Quando viene a Milano mi piacerebbe farle conoscere Carlos, ma lei predica calma, perché è una donna di 43 anni”.

E non sono mancate nemmeno alcune osservazioni su Ilary Blasi: “Se la vedo l’abbraccio e le chiedo scusa, perché quello che è successo, rispetto a quello che ho passato, è una cosa effimera. Il problema è che lo abbiamo fatto in tv. Uno scambio di opinioni non avverrà mai con lei, ma penso che sia stata una delle scene più brutte viste in televisione. La conduttrice deve essere super partes“, ha detto Corona. “Ho detto quelle cose, e ho sbagliato i modi e i toni, perché Ilary ha esordito facendo la maestrina, ha espresso giudizi personali e morali su di me e non puoi farlo in una trasmissione pubblica”, ha aggiunto. Per poi confidare a Silvia Toffanin: “Non dovevo su Instagram usare dell’ironia e insultare Totti, me ne pento e a lui ho chiesto scusa attraverso un post, ma non perché mi faccio spaventare dai tifosi romanisti che mi scrivono insulti.”

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jack Chapman, muore a 28 anni per una “embolia da silicone”: ne aveva iniettato troppo nelle parti intime

prev
Articolo Successivo

C’è il durian a bordo dell’aereo: i passeggeri si rifiutano di partire

next