Soffocato durante una gara di ‘mangiatori di croissant‘. Così è morto Mario Melo, l’ex pugile campione di pesi massimi in Sud America. La competizione consisteva nel mangiare il più alto numero di cornetti in un minuto, ma alla terza brioche il 56enne è collassato. Melo stava partecipando alla prima edizione della “Fiesta de la Medialuna”, a Pinamar, in Argentina.

Dopo essere stato soccorso prima da un vigile del fuoco e poi dai paramedici, l’ex pugile è stato trasportato in ospedale, dove è deceduto poche ore dopo. Le autorità hanno disposto immediatamente l’autopsia sul corpo per chiarire le cause del decesso. Melo era infatti malato di diabete da anni. Da chiarire quindi se il fuoriclasse sia morto per l’ostruzione delle vie respiratorie o per colpa della propria patologia.

Soprannominato ‘Mazazo’, mazza in italiano, Melo si era ritirato nel ’98. Aveva salutato l’attività agonistica con una sconfitta contro Mark Hulstrom. Dopo l’uscita definitiva dal ring, si era dedicato ad insegnare boxe ai giovani pugili argentini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Justine Mattera di nuovo su Instagram nuda. Qualche giorno fa aveva detto: “Mai più senza mutande”. E invece…

prev
Articolo Successivo

Asia Argento e Fabrizio Corona, la madre di lei li definisce “Due signori di mezza età con felpa e cappuccio che si baciano”. La figlia: “Fottiti troia”

next