Anpi e Forza Nuova manifestano a San Lorenzo per ricordare Desirée Mariottinila ragazza di 16 anni trovata morta la scorsa settimana in uno stabile abbandonato di via dei Lucani. La Questura ha infatti autorizzato entrambe le iniziative: i partigiani si sono riuniti in piazza dell’Immacolata dalle ore 14 alle 20, mentre Forza Nuova dalle 16 in poi si trova in piazza di Porta Maggiore.

La manifestazione Anpi – Si è aperta con un minuto di silenzio e un applauso per ricordare Desirée il presidio organizzato dall’Anpi a cui partecipano alcune centinaia di persone. In piazza ci sono bandiere del Pd, della Cgil e dei partigiani. Ci sono i fazzoletti viola di Non una di meno e le mani dipinte di rosso del Coordinamento antirazzista. C’è l’Arci con gli ombrelli bianchi di Welcome Refugees, i rappresentanti dei centri sociali del quartiere. Anche alcuni partigiani stanno prendendo parte alla iniziativa: Mario Di Maio, 90 anni, è l’ultimo partigiano di San Lorenzo ancora in vita. Poi c’è anche la 93enne Tina Costa che attacca: “Nella Costituzione c’è scritto con chiarezza che” i movimenti neofascisti “non hanno diritto di esistere. L’apologia del fascismo è vietata ma lo Stato non la applica”.

Le critiche al fascismo – “La manifestazione di Forza Nuova è una strumentalizzazione e una provocazione fascista. Oggi non ci saranno passeggiate o ronde fasciste a San Lorenzo: sarebbe uno spregio per Roma appena insignita della medaglia d’oro per la Resistenza“, ha detto il segretario provinciale dell’Anpi, Fabrizio De Sanctis, di fronte ai partecipanti al presidio antifascista. “Roma -ha aggiunto – è e resterà antifascista”. “Staremo qui tutto il pomeriggio per testimoniare la necessità di battere l’odio. Quello di Desiree – ha detto ancora De Sanctis – è un delitto orribile a opera di belve che la legge dovrà punire. Oggi abbiamo preso questa piazza insieme alle associazioni femministe e territoriali perché non tolleriamo più strumentalizzazioni“. “Non è possibile che c’è chi reagisce solo quando l’aggressore è straniero. Non l’accettiamo né dai gruppi che si richiamano al fascismo, che vanno sciolti, ma neanche dalla politica in generale. Basta con la politica del capro espiatorio, ci batteremo perché non riprenda piede”, ha concluso il segretario provinciale Anpi.

La manifestazione di Fn – Sono partiti dalla sede di Forza Nuova di San Giovanni alcune decine di militanti diretti a San Lorenzo. In testa ai manifestanti che sventolano bandiere tricolore e del partito c’è il leader di Forza Nuova, Roberto Fiore. Alcuni partecipanti hanno indossato caschi e stanno accendendo fumogeni. Ci sono saluti romani e i pochi presenti intonano cori come “Dove sono gli antifascisti?” e “Liberiamo i nostri quartieri” mentre il corteo raggiunte Porta Maggiore.

“Chiediamo a tutte le persone che hanno deciso di sfilare con Forza Nuova in un quadrante difficile della città di attenersi alle indicazioni ed evitare cori o iniziative personali – hanno chiesto gli organizzatori prima della partenza – bisogna essere essere il più compatti possibile: ordine contro il caos. Nella nostra città non possono esserci zone dove regnano spaccio, degrado e criminalità. Siamo in prima linea ancora una volta”.

Sabato sera alle 18 sempre a San Lorenzo è in programma anche un’altra fiaccolata degli attivisti del Nuovo Cinema Palazzo che parte da Piazza dell’Immacolata per arrivare davanti lo stabile di via dei Lucani dove è stata trovata morta Desirée Mariottini.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massa, Pillon presenta il “suo” ddl in una sala deserta. Poi viene contestato: “Difendiamo i diritti dal tuo Medioevo”

next
Articolo Successivo

Ravenna, cede ponte in diretta tv: muore tecnico della Protezione civile. Le immagini del suo tentativo di fuga

next