La Corte dei conti della Valle d’Aosta ha condannato a un maxi-risarcimento di 30 milioni di euro 18 tra consiglieri ed ex consiglieri regionali della Valle d’Aosta per il finanziamento di 140 milioni di euro al Casinò di Saint-Vincent. Tra i condannati gli ex presidenti della Regione Augusto Rollandin (4,5 mln) e Pierluigi Marquis (807 mila euro). La sentenza riguarda la gestione del casinò dal 2012 al 2015. In sostanza la magistratura contabile chiede indietro quei 140 milioni a chi ha attivato i fondi, attraverso la decisione di mutui e ricapitalizzazioni.

I 18 condannati sono, oltre a Rollandin e Marquis, gli attuali consiglieri regionali Mauro Bacceca (4,5 milioni), Luca Bianchi, Stefano Borrello, Joel Farcoz, Antonio Fosson (presidente del Consiglio regionale), Claudio Restano, Emily Rini e Renzo Testolin, tutti a 807mila euro. E gli ex consiglieri Ego Perron (4,5 milioni), Aurelio Marguerettaz e Marco Viérin (3 milioni), David Follien, Giuseppe Isabellon, Leonardo La Torre, André Lanièce e Marilena Peaquin, tutti a 807mila euro. Sono invece stati assolti il senatore Albert Lanièce, gli ex consiglieri Raimondo Donzel e Ennio Pastoret a cui viene revocato il sequestro cautelativo dei beni (confermato invece per tutti i condannati). Assolto anche il dirigente regionale Peter Bieler.

Sulla stessa vicenda è aperto anche un fronte penale, con un’inchiesta per truffa aggravata e falso in bilancio che è arrivata in vari tronconi davanti al giudice per l’udienza preliminare e che coinvolge tra gli altri e a vario titolo tre ex assessori alle Finanze – tra i quali l’ex governatore Rollandin -, due ex amministratori unici e tre sindaci.

Per far ottenere i finanziamenti al Casinò, secondo l’accusa, hanno dissimulato la “reale consistenza delle perdite” e “la prospettiva negli anni a seguire di conseguire ulteriori risultati negativi di esercizio”, come hanno scritto i magistrati nell’avviso di conclusione indagini della scorsa primavera. In base alle indagini della Guardia di Finanza nel 2012 le reali perdite della società erano state di 26 milioni a fronte dei 18 dichiarati, nel 2013 37 anziché 21, nel 2014 41 anziché 19 e nel 2015 42 anziché 18.

Negli ultimi anni la casa da gioco ha visto crollare i propri incassi, dai 96 milioni del 2011 a 57 milioni del 2017, e si è trovata a fronteggiare una ristrutturazione del Grand Hotel Billia da 100 milioni. I primi due mutui (50 milioni nel 2012 e 10 milioni l’anno successivo) erano stati concessi dalle giunte regionali dell’epoca proprio per i “maggiori oneri del piano di sviluppo della casa da gioco e del complesso alberghiero”. Seguiti poi da una ricapitalizzazione da 60 milioni, votata a maggioranza dal Consiglio nel 2014 e, l’anno dopo, da un altro finanziamento da 20 milioni deliberato dall’esecutivo.

Nelle 116 pagine dell’atto di citazione il procuratore regionale della Corte dei conti, Roberto Rizzi, aveva scritto che si è trattato di una “irrazionale e consapevole allocazione di cospicue risorse pubbliche per il sostegno di un soggetto imprenditoriale non in grado” di “assicurare ragionevoli equilibri dei saldi della gestione”. Come “vera causa” si addita la “spesa per il personale”, perché, aveva spiegato, “il mantenimento dei livelli occupazionali e delle (spesso) generose retribuzioni accordate sono fattori fondamentali di intercettazione e consolidamento del consenso politico“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Provenzano, De Raho: “Condanna Cedu? Non conosce forza mafie, né l’esigenza di evitare che i boss comandino dal carcere”

next