“Con Roberto (Fico) abbiamo difficoltà ad incontrarci perché corriamo sempre. Ma quando ci incontriamo qui vediamo che siamo tutti brava gente. Qui nessuno si è montato la testa”. Così Luigi Di Maio ha iniziato il suo intervento conclusivo della prima giornata di di Italia 5 Stelle, al Circo Massimo di Roma. Poco prima, sullo stesso palcoRoberto Fico aveva auspicato di continuare “sempre a ricordarci chi siamo e da dove veniamo. “A Pomigliano quando incontro le persone mi chiedono se mi devono chiamare ministro, ma io gli dico chiamatemi Luigi. Il giorno in cui chiederò di chiamarmi ministro, prendetemi a calci nel sedere” ha aggiunto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italia 5 stelle, Fico: “Aprire processo per Regeni al Cairo, sua famiglia sta vivendo l’ingiustizia più grande”

prev
Articolo Successivo

Italia 5 stelle, Di Maio conclude l’intervento leggendo una lettera agli attivisti: “Nostra anima sempre la stessa”

next