Un incendio di vaste dimensioni è scoppiato domenica sera intorno alle 20.30 nell’area nord di Milano, in via Dante Chiasserini, in zona Bovisasca e vicino a Quarto Oggiaro. Il rogo ha riguardato un capannone di rifiuti della Ipb e sul posto hanno operato numerosi vigili del fuoco, giunti in via Chiasserini con 13 mezzi. Il rogo è stato tenuto sotto controllo e non ci sarebbero rischi per le abitazioni vicine, anche se i residenti sono stati invitati a non aprire le finestre delle proprie abitazioni.

Un vigile del fuoco di 49 anni è rimasto coinvolto nell’incendio. Secondo quanto riferito dalla sala operativa del 115, il pompiere ha riportato un lieve trauma mentre interveniva insieme ai colleghi.

L’assessore all’ambiente del comune di Milano, Marco Granelli, ha diffuso una nota in merito all’incendio, invitando la popolazione a non aprire le finestre: “Visto il vento debole e costante e le prime rilevazioni di Arpa, fatto insieme il punto alle ore 1.15 del 15 ottobre con Ats, Arpa e Vigili del Fuoco, si decide di confermare ai cittadini a titolo preventivo la precauzione di tenere chiuse le finestre per tutto il tempo dell’incendio fino al suo spegnimento. In particolare le vie Chiasserini dal ponte verso via Porretta, via Porretta, via Castellammare, via Arturo Graf, via Perini, via Eritrea. Si prevede che l’incendio durerà per tutta la giornata di lunedì 15 ottobre”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riace, Lucano: “Rifarei tutto”. E sulle contestazioni del Viminale: “Solo atteggiamento denigratorio”

prev
Articolo Successivo

Milano, quando la periferia diventa una scelta: “Qui c’è vita”. E sui negozi etnici: “Luci, presidio di sicurezza”

next