Abbiamo ogni giorno tutti contro. Io non faccio il piangina, ma non c’è un Tg, non c’è una radio, non c’è un giornale, che, non dico che non esponga cose positive, ma che sia obiettivo“. E’ il duro attacco pronunciato dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in un incontro pubblico a Borgo Valsugana, una delle tappe del suo tour in Trentino Alto Adige, in vista delle prossime elezioni provinciali del 21 ottobre. Dal pubblico un elettore leghista nomina Silvio Berlusconi (“c’è il tuo amico Silvio”) e salomonicamente il leader leghista, tra le risate generali, risponde e sospira: “Eh, viva il centrodestra, viva l’alleanza del centrodestra, lunga vita”. Poi rincara: “Stavo pensando anche e soprattutto a chi prende denaro pubblico che dovrebbe informare. Ogni riferimento a gente come Fabio Fazio è puramente casuale. Non vorrei fare nessun riferimento a chi fa politica prendendo due spiccioli, perché lui prende poco di stipendio, eh. Prende, più o meno, quello che tutti noi che siamo in questa stanza prendiamo. Però, va bene, io non sono invidioso, non sono geloso, non sono rancoroso e quindi buon per lui. Ci lavoreremo“.

Il vicepresidente del Consiglio non lesina bordate ai suoi noti “nemici”, brandendo il suo polso sinistro fratturato: “I geni li abbiamo visti: Monti, Renzi, Letta, professori con quattro lauree. Il più genio di tutti è la signora Fornero che ha fatto questa riforma. E più a Bruxelles ci dicono che non possiamo spendere troppi soldi per aiutare gli italiani, più noi spenderemo soldi per aiutare gli italiani. Chi nel 2018 ha il coraggio di difendere quella legge è nemico del popolo italiano”. E aggiunge: “Io sono ministro da 134 giorni. E ogni giorno che il buon Dio mi concede, al mattino, quando mi alzo, lo ringrazio perché mi sta dando l’onore incredibile di servire il mio Paese. Però abbiamo tutti contro: la Commissione europea, Bankitalia, la Corte dei conti, il presidente dell’Inps. Chiunque abbia interesse a non mollare la poltrona ce l’ha con la Lega, con Salvini, col governo, con Conte. E’ gente che non ha fatto una mazza per 20 anni e da 4 mesi rompe le palle ogni quarto d’ora”. “Hanno paura di te!”, urla una donna leghista dal pubblico. E Salvini annuisce: “Però non hanno capito che più mi dicono di non fare una cosa e più io la faccio. Sono de coccio“.

Poi menziona il caso Diciotti: “Ormai ho raccolto 30 denunce. Civili, penali, querele. Pensate che in questo momento, mentre noi siamo qua a parlare di ospedali, di strade, di scuole, di mele, di futuro, di lavoro, c’è un tribunale dei ministri che sta lavorando per un processo per sequestro di persona aggravato e continuato e ha tempo fino al 7 dicembre. Io credo ai simboli, il 7 dicembre è Sant’Ambrogio, patrono di Milano. Quindi, mi processano per una cosa che prevede 15 anni di galera, cioè per aver bloccato per qualche giorno un barcone. E io ho detto a questi giudici che, se mi processano per questo, si preparino a processarmi altre 30 volte, perché bloccherò altri 30 barconi. Di barconi ne abbiamo accolti troppi. Non ci stiamo più. Se mi pigliano, vi chiedo soltanto di venire a trovarmi e di portarmi due mele”.

Nel finale, Salvini menziona l’episodio di Ala: “Pensano di fermarci con qualche inchiesta strana o con qualche bomba di quattro disadattati dei centri sociali“. E, citando un aneddoto riguardante una sua marachella d’infanzia, chiosa: “Per quei quattro scemi propongo la soluzione che ipotizzò mia nonna quando, rimproverandomi, mi disse: ‘Guarda che ti porto al manicomio di Pergine‘. Lo so che quel manicomio non c’è più, però, insomma, per qualcuno potremmo pensarci”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cascina, l’assessora contro la Parodi dopo le frasi sulla Lega: “C’hai le corna. Vai con tua sorella, tra i tegami”

prev
Articolo Successivo

Paolo Savona: “Nessun giallo su mie dimissioni da Euklid”. Il Corriere: “Non chiarisce sua visibilità su mosse fondo”

next