Manichini raffiguranti i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono stati bruciati davanti alla prefettura di Torino durante il corteo degli studenti che stanno manifestando nel capoluogo piemontese, come in altre città italiane. Inoltre, sui lampioni di piazza sono state affisse alcune foto imbrattate di vernice rossa. Davanti al Miur e’ stata anche bruciata una telecamera di cartone appoggiata su alcuni mattoni per protesta contro il decreto scuole sicure.  “Questi ‘democratici’ studenti, coccolati dai centri sociali e da qualche professore,avrebbero bisogno di molte ore di educazione civica” ha commentato il ministro dell’Interno su Twitter. “Forse capirebbero che bruciare in piazza il manichino di Salvini, e di chiunque altro, o appenderne ai lampioni le immagini è una cosa schifosa

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, condanne a Torino: gli scontri del giugno 2015 a 4 anni dallo sgombero in Val Susa e la pasionaria 73enne

next
Articolo Successivo

Pattinaggio, l’ex atleta azzurra Giada Dall’Acqua morta nel sonno a 28 anni

next