Giancarlo Magalli lascia la Rai? La notizia rimbalza su tutti i siti e le agenzie di stampa, ma non è corretta. Non del tutto, perlomeno. Tutto è nato da un’intervista rilasciata dal conduttore de I Fatti Vostri a ItaliaOggi. “Con Mediaset ho sempre avuto buoni rapporti. Ma non hanno mai cercato di convincermi. A un certo punto la Gialappa’s mi aveva proposto di lavorare con loro. Ora, con il tetto dei compensi, ci sto pensando. Il mio contratto scade a maggio”, ha dichiarato il conduttore amato da grandi e piccini. Il tetto dei compensi di cui parla Magalli è quello fissato a 240mila euro annui e entrato in vigore per alcuni volti del servizio pubblico (non tutti) nel 2017. Tant’è che alcuni volti hanno fatto le valigie e se ne sono andati.

Ora però il conduttore ha voluto fare chiarezza. “Ecco che, come ciclicamente accade, le pseudo agenzie pseudo giornalistiche si lanciano a caccia di click inventando balle o distorcendo la realtà. Normalmente le ignoro, ma questa volta un chiarimento è necessario, perché si mette in dubbio la mia lealtà alla mia azienda ed al mio pubblico”, ha scritto su Facebook.

“Le cose stanno in realtà così: ho serenamente firmato il mio contratto con la Rai per la stagione 2018-2019 e sarò fino alla fine di maggio 2019 al timone de I Fatti Vostri. A causa del tetto che è stato imposto (chissà perché solo ad alcuni conduttori) non potrò poi lavorare in Rai da giugno 2019 a gennaio 2020. Ho solo detto che in quei sette mesi potrei anche andare a fare qualcosa da qualche altra parte, anche per cambiare un po’. Quindi niente abbandoni, niente tradimenti: solo un po’ di vacanza in una pausa contrattuale. E poi si vedrà. Tutto chiaro?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ikea, in prigione per quattro barattoli: ecco perché una ragazza e suo padre hanno passato 24 ore in cella con l’accusa di “furto organizzato”

prev
Articolo Successivo

Royal Wedding, si è sposata la nipote della Regina: da Naomi Cambpell a Kate Moss, parata di vip (e cielo plumbeo)

next