“Questo è un passaggio importante per cui ovviamente si tocca anche il discorso che investe il nucleo per la lotta anti frode, la concezione che dobbiamo dare all’aiuto di Stato. Questo non può essere valutato indipendentemente dal funzionamento del mercato. Se ad un certo punto le condizioni sono alterate perché le diversità tributarie sono forti e o le frodi sono diverse l’aiuto di Stato andrebbe valutato alla luce di queste condizioni oggettive affinché si possa realizzare il mercato competitivo che sta nell’articolo 3 del Testo Unico europeo come tra gli obiettivi principali dell’Unione Europea”. Così il ministro Paolo Savona nel suo intervento alla presentazione del rapporto sulle frodi in Ue

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio è un contapalle come Renzi. Lo ‘dice’ pure Beppe Grillo

prev
Articolo Successivo

M5s, europarlamentare Daniela Aiuto lascia il Movimento: “Difficoltà di dialogo e restrizioni. Io lasciata ai margini”

next