Un neonato è morto dopo soli 45 giorni di vita, forse a causa di un rigurgito. È successo a Milano, in un appartamento di largo Gelsomini. Ad avvisare i soccorsi, attorno alle 14.00 di venerdì, è stata la sua babysitter, una ragazza peruviana di 33 anni.

Il piccolo è deceduto dopo 30 minuti di massaggio cardiaco, mentre veniva trasportato all’ospedale pediatrico Buzzi, distante circa 6 chilometri dall’abitazione. Gli accertamenti sulle cause della morte sono ancora in corso, ma da una prima analisi il piccolo non presenterebbe segni di violenza sul corpo e sembrerebbe morto a causa di un rigurgito.

I genitori del bambino, entrambi originari dell’est Europa, avevano affidato lui e il suo gemellino alla babysitter che nel primo pomeriggio si è accorta che il neonato stava soffocando. I carabinieri l’hanno portata in caserma per ascoltare la sua versione. Intanto, gli uomini dell’Arma stanno verificando un’informazione raccolta dai vicini secondo cui l’appartamento all’ottavo piano avrebbe ospitato un asilo abusivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, parcheggio dell’ospedale era scorciatoia per le auto. Lo chiudono ma il traffico va in tilt: ‘Ambulanze bloccate’

prev
Articolo Successivo

Ingv, il viceministro Fioramonti in visita dopo le dimissioni che agitano l’ente. Lettera dei ricercatori contro la stampa

next