Dopo la morte del marito Fabrizio Frizzi il 26 marzo scorso, Carlotta Mantovan si era chiusa nel silenzio, prendendosi una pausa dalla vita pubblica. Ma adesso ha deciso di tornare sotto i riflettori e lo ha fatto nel programma “Storie Italiane” di Eleonora Daniele, a cui a concesso la sua prima intervista dopo il lutto di questi mesi. La modella e giornalista ha parlato della sua vita privata, in particolare del suo grande amore per la figlia. “Si riparte da Stella -ha spiegato -. Dalla necessità di andare avanti per lei, di rimboccarsi le maniche”.

Carlotta e Fabrizio si erano conosciuti a Miss Italia, il concorso di bellezza che Frizzi ha condotto per molte edizioni: lei aveva 17 anni e lui era già uno dei volti più noti della televisione italiana, ma i 25 anni di differenza non sono mai stati un problema per la coppia. Il loro è stato un amore “travolgente”, come lo ha definito lei, da cui è nata Stella: “È una bambina molto solare. Molto più grande della sua età. Mi imita molto, vuole fare tutto quello che faccio io. Le ho trasmesso la passione per i cavalli: io ho cominciato alla sua età, ci andavo alle elementari: andavo nella campagna della Pianura Padana in inverno, tra la nebbia. Poi ho ripreso nel 2008 e da lì non ho più mollato: mi fa stare bene, quando posso vado a cavalcare. Mi piace stare con gli animali e prendermi cura di loro. È una cosa che rimette a posto con il mondo”.

E si dice pronta a tornare in tv, questa volta però non da ospite: “Sono tornata a lavorare, mi ero presa una pausa. Ho dovuto lasciare il mio precedente lavoro perché si trasferivano a Milano, ho ripreso a Rai 3, dove ho ricevuto una bellissima accoglienza da Michele Mirabella e tutta la squadra. Sto imparando tantissimo da loro e li ringrazio”. Non solo, la vedremo presto anche in prima serata al fianco di Antonella Clerici nel nuovo Portobello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ronaldo respinge le accuse di stupro: “Crimine abominevole contrario a ciò in cui credo”. E sul Sun spunta un video

prev
Articolo Successivo

Flavia Vento: “A Teo Mammuccari non devo niente. Mi ha fatto conoscere come “scema”. Mi ha rovinato l’immagine”

next