“A Teo Mammucari non devo niente, anzi se non avessi fatto Libero sarebbe stato meglio”. Flavia Vento non usa mezzi termini per riferirsi a Teo Mammucari, che la lanciò nel mondo dello spettacolo nei primi anni duemila come valletta nel suo programma di allora. Intervistata da Caterina Balivo a Vieni da Me, la showgirl ha attaccato il conduttore, colpevole a suo dire di averla presentata al pubblico di Libero come “scema”, tenendola chiusa in una sorta di gabbia trasparente sotto un tavolo.

Non mi ha aiutato in niente quel programma. Mi ha rovinato solo l’immagine”. Oggi Flavia Vento si dice pentita della sua scelta lavorativa e se potesse tornare indietro nel tempo non la rifarebbe: “Sicuramente è stato un programma divertente, ma la mia figura non era esaltata, era denigrata…ritornando indietro non l’avrei mai fatto”. “Non sono stata intelligente, sono stata inconsapevole. Avevo vent’anni e non capivo bene”, ha spiegato.

L’ex naufraga dell’Isola dei Famosi, dopo aver visionato un video che raccoglieva i suoi momenti più belli nello show che allora andava in onda su Raidue, ha poi aggiunto: “Sono una persona autoironica, però è stata un’etichetta troppo pesante e troppo forte che mi sono portata per troppo tempo e non è stato bello. Io ho un’anima e una dignità”. Ma, nel corso della trasmissione, Flavia Vento ha parlato anche del suo rapporto con un altro uomo con il quale (a suo dire) avrebbe incrociato il cammino. “Totti? Non ha senso parlare dopo tanti anni di ciò che è successo. Comprerò il suo libro? Anche no. Il mio capitano è Di Caprio, togliamo Totti di mezzo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Storie Italiane, Carlotta Mantovan si racconta a Eleonora Daniele dopo la morte di Fabrizio Frizzi: “Si riparte da mia figlia”

prev
Articolo Successivo

Nadia Toffa: “Due di quelli che pensavo fossero i miei migliori amici mi hanno tradita. Che delusione!”

next