Vis-à-vis a Otto e Mezzo (La7) tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e il fondatore di Eataly, Oscar Farinetti, sulle chiusure domenicali delle attività commerciali e sullo stato del Pd. Scanzi commenta, in primis, l’audio del portavoce del presidente del Consiglio: “C’è chi sostiene addirittura che la nota vocale di Rocco Casalino sia stata artatamente messa fuori proprio dal M5s per dimostrare che loro hanno le idee chiare e che sono addirittura disposti a vendicarsi, qualora non venisse sforato il deficit e non si trovassero i soldi. Male che vada, questa vicenda verrà utilizzata come alibi: se non ce la faranno a sforare il deficit, potranno sempre dire che i burocrati ce l’hanno con loro. Tuttavia, è una mossa debole“. E aggiunge: “Credo che se non raggiungeranno il deficit francese al 2,8%, ci sarà un ulteriore sforamento, perché con la legge di bilancio questo governo deve dare dei segnali forti. E i due segnali sono: agire contro la riforma Fornero, cosa voluta da Salvini che da anni fa questa battaglia, e fare qualcosa di chiaro in relazione al reddito di cittadinanza, che è invece la battaglia del M5s“. La firma del Fatto, poi, si rivolge a Farinetti: “Vedo che ultimamente ce l’ha con le chiusure domenicali: intanto, questo governo vuole chiudere le attività commerciali la domenica con una turnazione del 25% e non fino in fondo. Però, caro Oscar, e te lo dico con affetto, il problema è che la tua idea di sinistra piace tanto legittimamente agli imprenditori, però su questa norma ho sentito, ad esempio, Landini secondo cui è una bella cosa. Se poi” – continua – “la classe operaia o il proletariato ha smesso di votare il Pd, avvicindandosi alla Lega o al M5s, e il Pd renziano veniva votato solo dal Parioli, un motivo ci sarà. O sono tutti diventati bischeri o forse si stanno spostando troppo verso l’imprenditoria e poco verso gli operai”. L’imprenditore ironizza: “Parlando della chiusura domenicale che non vorrei, dentro di me ho pensato: ‘Porca miseria, sto offrendo un assist fantastico a Scanzi per colpirmi’. Touché”. E prosegue: “Non credo che tu sia marxista, quindi ti prego di sfuggire a questa visione delle lotte tra classi, per cui ci sono gli imprenditori, i lavoratori, i protezionisti. E’ cambiato il mondo. La grande discriminante è sui sentimenti. Io conosco imprenditori e lavoratori egoisti e imprenditori e lavoratori altruisti”. Farinetti dà anche il suo personale suggerimento al Pd: “Gli consiglio di aspettare. Quando si becca un uppercut così, ci vogliono anni per riprendersi. Guardate la Lega. Dopo la sberla dei diamanti, la Lega è scesa a percentuali bassissime e ci ha messo 4 o 5 anni a tirarsi su. E’ uguale. Ci vuole del tempo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo, Farinetti a Scanzi: “Bisogna sviluppare sentimento fiducia”. “E’ stata la ricetta renziana che ha distrutto il Pd”

next
Articolo Successivo

Deficit, Brunetta: “Vi spiego la metafora della vasca da bagno”. Attacca il M5s e manda un bacione a Salvini

next