Miss Italia ha provato con gli anni a cambiare pelle apportando modifiche al regolamento per stare al passo con i tempi. Carlotta Maggiorana, ultima vincitrice, è sposata e già lavorava come attrice. Non solo, le sue foto di nudo hanno iniziato a circolare in rete rischiando anche la perdita del titolo. Sono cambiati i tempi, la pensa così anche Manila Nazzaro che reginetta di bellezza lo è stata nel 1999 quando il concorso dei Mirigliani spopolava ancora su Rai1.

“Noi eravamo ragazze acque e sapone. Disincantate e un po’ anche ingenue. Ora molte di loro sono più mature e soprattutto non sono poche quelle che hanno le labbra rifatte, le ciglia finte. Hanno già fatto dei ritocchi al proprio corpo. A noi consentivano solo il mascara e il lucido trasparente. La nostra era una bellezza naturale”, l’ex conduttrice di Mezzogiorno in famiglia attacca in un’intervista a Leggo le partecipanti del concorso accusandole di essersi rifatte.

Il passaggio dal chirurgo non passa inosservato: “È giusto che sia passato il messaggio di dare spazio anche alle mamme, alle sposate e non solo alle ragazze. Se una migliora la sua bellezza fa bene. Certo, dispiace vedere concorrenti di 20 anni che già hanno conosciuto il chirurgo estetico“. Ricorda con emozione il trionfo di quasi vent’anni fa ma sottolinea la scaltrezza delle nuove Miss: “Sanno già come affrontare Miss Italia. Cosa fare. Che cosa possono ottenere. L’approccio al concorso è differente. Grazie anche a internet. Sono costruite per centrare l’obiettivo. Sanno che diventeranno delle modelle, magari delle fashion blogger”.

Nell’anno in cui aveva portato a casa la corona si era classificata terza Caterina Balivo: “Non eravamo amiche, durante il concorso non abbiamo mai legato: io sognavo di diventare una conduttrice tv mentre lei voleva fare la giornalista. In verità sono più amica di Elisa Isoardi, che due anni dopo è arrivata seconda. Io presentavo il dopo concorso e ci siamo conosciute lì”, ha concluso la Nazzaro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Asia Argento al DailyMailTv: “La gente dice che l’ho ucciso. Era il mio amore: quando ho saputo che si era tolto la vita ho iniziato a urlare”

prev
Articolo Successivo

Pomeriggio Cinque, Flavia Vento si racconta: “Io, casta da tre anni. Nella mia vita spazio solo per i miei cani e per la preghiera”

next