Natalità, obiezione di coscienza sul testamento biologico, genitorialità e “scoraggiare il ricorso all’aborto“: sono queste le priorità del neonato intergruppo parlamentare “Vita, famiglia e libertà” presentato oggi a Roma, in Senato. Tra i relatori, il senatore della Lega Simone Pillon e il suo collega alla Camera Alessandro Pagano, Maurizio Gasparri di Forza Italia e il professor Massimo Gandolfini, leader del Family day. Annunciata anche la presenza della parlamentare dei Cinque Stelle Tiziana Drago, che però non è intervenuta.

“Molti sindaci si inventano ‘genitorialità’ fantasiose“, dice il leghista Alessandro Pagano. Come fare però a coinvolgere gli alleati di governo grillini, laddove sindache come Virginia Raggi a Roma e Chiara Appendino a Torino hanno trascritto all’anagrafe i figli di coppie dello stesso sesso? “Vedo nei Cinque Stelle sensibilità all’argomento – dice Pagano -. Ci sono tanti altri sindaci che non si sognano minimamente di prendere questi argomenti”.

Lega, Fratelli d’Italia e “buona parte di Forza Italia condividono i nostri principi antropologici”, dice Massimo Gandolfini. Il leader del Family Day assicura il suo “ruolo” di mero consulente esterno alla politica. “Ci fa piacere vedere che anche nella compagine polimorfa dei Cinque Stelle ci siano persone sensibili”.

Sull’aborto e le affermazioni di Pillon Pagano non risponde. “Non penso che una donna che vuole abortire vada penalmente perseguita – dice Gandolfini -. Però penso a incentivi economici per mettere le donne in condizione di non abortire“. “Nessuno vuole cambiare la 194 – conclude Pagano -, ma incentivare la maternità come previsto dalla legge stessa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La battuta del ministro ai Beni culturali Bonisoli: “La storia dell’arte? La abolirei, al liceo era una pena per me”

prev
Articolo Successivo

Olimpiadi 2026, Zaia lancia la candidatura lombardo-veneta: “Via il tridente? Allora sia falange macedone”

next