Durante un incontro con i sovrintendenti d’Italia, negli uffici liguri di Belle arti, un sovrintendete chiede al ministro Alberto Bonisoli se non sia il caso di rivedere i criteri di selezione e reclutamento dei dirigenti dei musei, considerato che “per gli idonei di storia dell’arte la graduatoria non è ancora finita. E quindi rischiamo di avere tra i dirigenti soltanto storici dell’arte e non architetti o archeologici”. Alla domanda è seguita la battuta sarcastica di Bonisoli: “Anche io abolirei la storia dell’arte. Per me, al liceo, era una pena”.

Video Facebook/Alberto Bonisoli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giachetti vuole fare lo sciopero della fame? La dieta che serve al Pd è un’altra

next
Articolo Successivo

“Vita, famiglia e libertà”, nasce intergruppo parlamentare con Pillon, Gasparri e Pagano: “Priorità? Scoraggiare l’aborto”

next