Gianni Morandi è stato coperto di insulti sul web dopo che sui social è apparsa una sua foto con in mano un cartello con due ipotetici nuovi loghi della Lega: in uno c’è scritto “Illegale Salvini”, mentre l’altro, “Noi con Salvini” si arricchisce di un paio di manette. “Ho letto che la Lega potrebbe cambiare nome per evitare il sequestro. Siccome, oltre a cantare, mi diletto con la grafica, ho ideato due loghi nuovi per il caro Matteo. È solo una bozza, ma voi che ne pensate?” si legge nella didascalia. Peccato che si trattasse di un fake. A pubblicare la foto taroccata e il messaggio è stato infatti un falso profilo Facebook del cantante, Gianni Moramdi, con la M e non la N nel cognome. 

In molti però, non si sono accorti del tranello e hanno iniziato ad insultare il Gianni nazionale senza accorgersi che si trattava di uno scherzo. “Ridicolo” e “Schifoso” sono solo alcuni degli epiteti rivolti al cantante. Morandi è diventato così “un poveraccio comunista con poco da fare” o “con le tasche piene”. Qualcuno da far “mandare dalla mamma a fare in c…”. “Qualcuno cambi il pannolone a questo cantante in pensione“, ironizzano, mentre si spingono in diagnosi degne di medici provetti, rilevando addirittura nel cantante “un progressivo aumento di decadimento sinaptico e disonestà intellettuale”. E a poco sono servite le spiegazioni dei tanti utenti che hanno fatto notare la provenienza “fake” del post: accecati dall’ira, i commentatori hanno bollato il cantante con centinaia di insulti diversi, arrivando a minacciare anche il boicottaggio della produzione dell’artista, ignaro però di tutto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Olivia Newton-John, la star di “Grease” rivela: “Il cancro è tornato per la terza volta”

prev
Articolo Successivo

Serena Williams, multa da 17mila dollari per la sfuriata contro l’arbitro. “Lo ha fatto perché sono una donna”

next