“Quando mi sono insediato al ministero, ho detto all’amministrazione di pubblicare gli atti relativi alle concessioni autostradali. Ma l’amministrazione aveva paura. L’Aiscat (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori., ndr) ha mandato i documenti al ministero, dicendo di non pubblicarli, perché l’amministrazione, e quindi lo Stato, sarebbe stato passibile del reato di aggiotaggio e di condizionare il mercato” Lo rivela a In Onda (La7) il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, a proposito delle pressioni da lui denunciate nei giorni scorsi in Parlamento. E commenta anche le proteste in Aula dai banchi dell’opposizione al suo intervento: “Capisco perfettamente il nervosismo di quegli esponenti della vecchia politica. Sono proprio loro che hanno permesso la creazione di quella mangiatoia istituzionalizzata in punta di legge, permettendo ai privati di fare miliardi. E non solo: i membri dei cda di Atlantia sono anche nei cda dell’Espresso e di Repubblica”. David Parenzo insorge: “A me non risulta”. E scatta il botta e risposta serrato tra Toninelli e il giornalista. E’ Luca Telese a chiarire le parole del ministro M5s: “Si tratta di Monica Mondardini, una manager che sta nel cda di Atlantia ed è ad di Cir (holding che controlla il Gruppo Editoriale L’Espresso, SOGEFI e KOS, ndr). Comunque, non è un reato”. “Io infatti ho detto ‘in punta di diritto’”, replica Toninelli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondi Lega, Conte: “Ora difficile fare politica per il partito. Ripercussioni per il governo? Direi di no”

prev
Articolo Successivo

Fondi Lega, Mussolini vs Romano: “Colpo della magistratura per distruggere un partito”. E imita Maria Elena Boschi

next