“Nelle modalità di spartizione delle nomine in Rai, non mi pare che vengano seguiti criteri diversi da quelli soliti”. Milena Gabanelli, intervenendo dal palco della Festa del Fatto Quotidiano nel dibattito “Alla ricerca della verità perduta nella rete” insieme a Paola Zanca ed Enrico Mentana, ha parlato tra le altre cose dell’assegnazione dei nuovi incarichi nella tv pubblica e dell’influenza della maggioranza di governo nelle decisioni. “A me preme avere interlocutori competenti”, ha specificato, “poi per chi votano mi interessa molto poco”. Il direttore del TgLa7 ha invece aggiunto: “Io sono abbastanza disilluso. Ho sempre visto che chi è all’opposizione critica le pratiche della lottizzazione in Rai. Poi quando diventa forza di governo si pone come problema: ‘Chi metto a me fedele in Rai?’. Il problema nasce dal fatto che la politica ha paura di scomparire”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Versiliana 2018, la tv del cambiamento. Rivedi l’incontro con Berlinguer, Carafoli, Del Debbio e Floris

next
Articolo Successivo

L’aria che tira, al via l’ottava stagione. Myrta Merlino: “Quest’anno sarò sul campo con i miei occhi”

next