“Nelle modalità di spartizione delle nomine in Rai, non mi pare che vengano seguiti criteri diversi da quelli soliti”. Milena Gabanelli, intervenendo dal palco della Festa del Fatto Quotidiano nel dibattito “Alla ricerca della verità perduta nella rete” insieme a Paola Zanca ed Enrico Mentana, ha parlato tra le altre cose dell’assegnazione dei nuovi incarichi nella tv pubblica e dell’influenza della maggioranza di governo nelle decisioni. “A me preme avere interlocutori competenti”, ha specificato, “poi per chi votano mi interessa molto poco”. Il direttore del TgLa7 ha invece aggiunto: “Io sono abbastanza disilluso. Ho sempre visto che chi è all’opposizione critica le pratiche della lottizzazione in Rai. Poi quando diventa forza di governo si pone come problema: ‘Chi metto a me fedele in Rai?’. Il problema nasce dal fatto che la politica ha paura di scomparire”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Versiliana 2018, la tv del cambiamento. Rivedi l’incontro con Berlinguer, Carafoli, Del Debbio e Floris

prev
Articolo Successivo

L’aria che tira, al via l’ottava stagione. Myrta Merlino: “Quest’anno sarò sul campo con i miei occhi”

next