Sabato da brividi al Lido di Venezia. Sotto una pioggia che da venerdì ha dato solo alcuni momenti di tregua (senza impedire a Lady Gaga un red carpet spettacolare davanti alla Sala Grande e un saluto agli spettatori anche nella successiva proiezione al Palabiennale), arriva oggi alla 75esima Mostra del Cinema il primo film italiano in concorso, Suspiria di Luca Guadagnino, che, più che un remake del classico horror firmato da Dario Argento nel 1977, è annunciato come una rielaborazione. Assieme al regista, sono arrivate al Lido Dakota Johnson e Tilda Swinton, protagoniste della pellicola.

Vestita di giallo senape, con gonna lunga e blusa in seta dal colletto alto e ruches di Haider Ackermann, Tilda Swinton ha catalizzato l’attenzione ai photocall. Al suo fianco, la splendida Dakota Johnson: l’attrice della trilogia di Cinquanta Sfumature ha scelto invece un vestito grigio polvere in pizzo ricamato, dalla linea semplice ma molto romantica ed eterea, con una profonda scollatura. A completare il look, un trucco leggero, acqua e sapone.

Suspiria è ambientato nella Germania degli anni ’70, in un’accademia di danza, dove una ballerina americana (Dakota Johnson) decide di iscriversi per poi rendersi conto che la fondatrice dell’istituto (Tilda Swinton, che interpreta tre ruoli diversi) è una strega ed utilizza l’istituto come copertura per lo studio delle scienze occulte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Venezia 2018, The Ballad of Buster Scruggs: le sei favole del vecchio West dei magici fratelli Coen

next
Articolo Successivo

Venezia 75, Peterloo di Mike Leigh: “Ogni giorno ci troviamo davanti al potere che viene tolto al popolo”

next