Da giudice a concorrente. Carlo Cracco ha lasciato MasterChef e si prepara all’esordio su Netflix a The Final Table, una competizione culinaria globale in cui a sfidarsi saranno i migliori cuochi provenienti da tutto il mondo, ciascuno in rappresentanza del proprio Paese, con l’unico obiettivo di ottenere un posto alla “tavola finale” e sedersi insieme a nove leggendarie icone culinarie internazionali. E pensare che, con l’addio a MasterChef, Cracco aveva detto di voler lasciare il piccolo schermo per dedicarsi esclusivamente alla cucina, soprattutto quella del suo nuovo ristorante in galleria Vittorio Emanuele a Milano. 

Il programma è stato presentato all’Edinburgh International Television Festival e sarà disponibile su Netflix entro la fine dell’anno. A contendersi la vittoria con Cracco ci saranno Enrique Olvera (Messico), Andoni Aduriz (Spagna), Clare Smyth (Regno Unito), Helena Rizzo (Brasile), Vineet Bhatia (India), Grant Achatz (Stati Uniti), Yoshihiro Narisawa (Giappone) e Anne-Sophie Pic (Francia). 12 squadre composte da due chef ciascuna, si sfideranno tra loro cucinando i piatti tipici di Messico, Spagna, Inghilterra, Brasile, Francia, Giappone, Stati Uniti, India e Italia. Ogni episodio si concentra su un Paese diverso e sulla sua cucina, con la partecipazione di celebrità, critici gastronomici e grandi cuochi nazionali, che giudicheranno le varie squadre con le eliminazioni, decretando i finalisti.

Nell’ultimo episodio, solo uno degli chef in gara riuscirà a vincere un posto al “Final Table”, tra i migliori chef al mondo. I presentatori della serie sono Andrew Knowlton e James Beard, scrittore rinomato, nonché redattore di Large, Bon Appétit. The Final Table è una serie creata e prodotta da Robin Ashbrook (MasterChef, MasterChef Junior) e Yasmin Shackleton (MasterChef, MasterChef Junior).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Marco Borriello sceglie di giocare nella squadra di Ibiza. Social scatenati: “Vero bomber, maestro di vita”

next