Tutto è cominciato con le prime minacce di stampo razzista e la denuncia ai carabinieri. Poi le gomme della macchina bucate, una capra uccisa con una mammella asportata da un’arma da taglio, altre due trovate morte e il cane improvvisamente sparito. Infine l’aggressione fisica. Un uomo l’ha presa per il collo: “Mi ha detto ‘brutta negra‘, ‘ti uccido‘, e ‘te ne devi andare'”. Agitu Ideo Gudeta è riuscita a liberarsi e scappare. Ora ha raccontato tutto ai giornali locali del Trentino Alto Adige. Lei, etiope innamoratosi delle montagne, da tempo vive in valle dei Mocheni dove alleva capre e produce formaggio con la sua azienda biologica “La capra felice“. Una storia d’integrazione che è stata raccontata dalla Reuters e più recentemente anche dal New York Times.

Il responsabile, riportano tutti i quotidiano regionali, è un vicino di casa.  “Chi mi sta perseguitando non è un mocheno e i carabinieri sanno bene chi è: l’ho fotografato mentre mi bucava le gomme dell’auto. E  hanno le denunce di tutti gli episodi che riguardano questa brutta vicenda”, ha raccontato Agitu all’Alto Adige. La pastora etiope tiene infatti a precisare che “in questa valle io mi trovo benissimo ed ho costruito con tanti rapporti molto belli. Qui mi sono sentita accettata dagli abitanti e ho avuto l’opportunità di avviare la mia azienda”. È da circa un anno però che ha a che fare con questo vicino: “Dispetti a non finire – ha spiegato a ilDolomiti.it – gomme bucate nella notte, danni ai macchinari e ogni volta che passiamo davanti alla sua proprietà insulti a non finire, parolacce, minacce. Ma negli ultimi mesi le cose sono degenerate. Il suo razzismo è esploso”.

Agitu, scrive l’Alto Adige, è scappata dall’Etiopia per un mandato d’arresto, dopo aver lottato con un regime corrotto e contro il land grabbing, la pratica per cui multinazionali comprano grandi appezzamenti di terra senza il consenso delle comunità che ci abitano e che la utilizzano. A Roma ha studiato Sociologia, poi il trasferimento in Trentino prima in Vallarsa e in Val di Gresta, infine in valle dei Mocheni. Qui grazie alla vendita dell’ex scuola di Frassilongo ha creato il suo caseificio dove, spiega al quotidiano di Bolzano, “do lavoro anche a tirocinanti che vogliono imparare a fare il formaggio”.

Tutto perfetto per lei e le sue 150 capre fino a circa un anno fa, quando sono cominciati i primi episodi di razzismo. Due in particolare quelli che hanno fatto preoccupare Agitu. “Una mattina ho trovato una capra uccisa e ho chiamato i forestali – ha raccontato a ilDolomiti.it – e subito è stato escluso il lupo come responsabile. Ci hanno detto che era stata chiaramente asportata una mammella con un’arma da taglio”. Altri episodi violenti mentre era al pascolo, con annessi minacce e insulti. Poi “un giorno stavo lavorando alla mungitrice ed ero chinata con le spalle alla porta quando all’improvviso sono stata afferrata da dietro. Mi ha preso per il collo e mi ha gridato ‘io ti uccido’, ‘tu devi morire‘. Sono riuscita a liberarmi dandogli un calcio e sono scappata in casa”. E’ il racconto dell’ultima aggressione, la più violenta.

Il sindaco di Frassilongo, Bruno Groff, ha definito “inverosimile e paradossale” quando accaduto. “Non riesco a capacitarmi che nel mio comune, sul territorio che abito e vivo possano succedere simili azioni e, francamente, me ne vergogno“, ha scritto. “Quanto ha denunciato la pastora etiope, purtroppo, è la dimostrazione di un clima di odio e razzismo che si sta diffondendo anche sul nostro territorio”, è il commento della Cgil del Trentino. La consigliera comunale del Pd di Trento Roberta Zalla definisce Agitu “una donna straordinaria e imprenditrice della nostra terra. Produce ottimi formaggi e ricotte da capre allevate con cura e amore, tutelando il paesaggio e vivendo in una piccola valle del Trentino. Una sfida imprenditoriale culturale e femminile“.

Immagine da Facebook

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alto Adige, morto alpinista tedesco in val Martello: salvati gli altri tre scalatori

next
Articolo Successivo

M5s, morta la deputata Iolanda Nanni: ex consigliera in Lombardia, si era candidata alle politiche nonostante la malattia

next