“C’è chi mi fa notare che avevo chiesto le dimissioni di Angelino Alfano perché indagato per abuso di ufficio, ma mica c’era bisogno di un’indagine per chiedere le dimissioni di Alfano? Andavano chieste comunque, si doveva dimettere in quanto tale, Alfano ne aveva fatte già abbastanza. Ora è un privato cittadino e non voglio infierire su di lui ma all’epoca ogni motivazione era buona per chiedere le dimissioni di Alfano“. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio durante una diretta su Facebook, commentando la notizia dell’inchiesta aperta dalla procura di Agrigente che vede indagato l’attuale ministro dell’Interno Matteo Salvini

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diciotti, Di Maio: “Salvini indagato? Non ha violato nostro codice etico. Ma niente attacchi alla magistratura”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, Di Maio: “Nazionalizziamo Autostrade, nessuno vuole ridarle ai Benetton”

next