Ad Amatrice e Accumoli la prossima notte sarà quella del ricordo, a due anni dal sisma del 24 agosto 2016. Nei due comuni del Reatino colpiti dal terremoto si svolgeranno diversi momenti di ricordo e preghiera a partire da questa sera. Alle 21, a Illica, il vescovo di Rieti, mons. Domenico Pompili, presiederà l’adorazione eucaristica in una delle frazioni di Accumoli che contò il maggior numero di vittime.

La veglia di preghiera si svolgerà, invece, questa notte ad Amatrice. Il raduno dei partecipanti è previsto presso la struttura appositamente allestita nell’area in cui sorgeva l’Istituto Alberghiero. La veglia avrà inizio alle 1:30. A partire dalle 3, i presenti raggiungeranno il monumento memoriale delle vittime nel parco ‘Padre Giovanni Minozzì con una fiaccolata. Qui avrà luogo un momento di silenzio e raccoglimento per ricordare quanti hanno perso la vita quella notte. La preghiera avrà inizio alle 3:30 preceduta dai rintocchi della campana: uno per ognuno dei 239 caduti. Alle 11 del 24 agosto, la struttura allestita per la notte vedrà il vescovo Pompili presiedere la celebrazione eucaristica che sarà trasmessa in diretta su Rai Uno. Il vescovo presiederà una messa anche ad Accumoli, alle 17, nella principale area Sae in cui sorge anche il monumento ai caduti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lecco, indagine su “serial killer” di gatti. Enpa: “Almeno 6 casi, un cucciolo è stato congelato in freezer”

next
Articolo Successivo

Regeni, lettera di 200 accademici inglesi: “No a partnership con l’Egitto. Università e governo hanno dimenticato Giulio”

next