350 milioni di dischi venduti in tutto il mondo, 50 Billboard Music Awards e 7 Grammy Awards. Madonna, la “regina del pop”, compie 60 anni.  L’ex “material girl” è stata artefice di una vera e propria rivoluzione musicale, di grandi provocazioni e riconoscimenti straordinari, come quello di essere la quarta artista con maggiori vendite in assoluto al mondo. Per festeggiare il compleanno, lady Ciccone ha scelto Marrakech. La star è stata immortalata mentre passeggiava nella Medina, circondata da guardie del corpo e polizia marocchina. E sembra quasi beffarsi dei paparazzi che tentano di strapparle uno scatto.

La sera in Bab Laksour, con in sottofondo il muezzin chiama i fedeli alla preghiera; poi un giro a piedi tra i vicoli e le piazze della città marocchina. L’hotel di lusso che la ospita è un antico palazzo del centro storico, trasformato in una galleria d’arte contemporanea dalla proprietaria, Vanessa Branson, per molti anni animatrice della Biennale di Marrakech. E proprio in una delle suite di questa dimora Madonna ha allestito “il set” per un ritratto al risveglio. Sul letto a baldacchino, la regina del pop, si fa servire un vassoio di succhi di frutta e dolci marocchini. Accanto a sé, quattro bottiglie di vino. Pareti giallo zafferano e comodini rosso fuoco fanno il resto. Ancora una volta l’incorreggibile anticonformista mescola sacro e profano: l’alcol in terra d’islam e il fascino mistico della preghiera, a due passi dalla Koutubia, la principale moschea della città.

Woke up like this………… ?? ?. O N E M O R E D A Y!! ????

Un post condiviso da Madonna (@madonna) in data:

Per decenni è stata infatti oggetto di polemiche e controversie: la “Material Girl” che non vuole rinunciare a una sessualità esplicita, una scelta che ha contribuito alla sua reputazione di superstar. Era il gennaio 1985 quando Madonna ha presentato fuori dagli Usa uno dei brani all’interno del disco Like a Virgin, posizionandosi immediatamente in cima alle classifiche americane dove era arrivato due mesi prima.

Era la settima volta che un singolo di Madonna Louise Veronica Ciccone raggiungeva il primo posto della hit a stelle e strisce, un primato per una donna. Like a Virgin è la title track del secondo album di Madonna, uscito nel 1984, dopo il successo del primo album “Madonna” del 1983, quello che l’ha incoronata come una star mondiale della musica, un’icona per le teenager di tutto il globo. Si era in pieno edonismo reaganiano quando Madonna scelse di incarnare la figura di una donna indipendente, irriverente. E lo fece inventando il look della sposa punk.

Alla prima edizione degli Mtv Video Music Awards infatti, la cantante apparve in cima a una enorme torta nuziale, indossando un abito da sposa, il velo e una fibbia della cintura con scritto ‘Toy Boy’ mentre cantava Like a Virgin in modo sexy. Era fatta: nacque una stella. Nel 1989 il titolo “Like a Prayer” fece scandalo con un video trasmesso su Mtv. Con un’alternanza di sesso e immagini religiose, un flirt inter-razziale, tema sempre spinoso in alcune regioni degli Stati Uniti- Madonna che faceva l’amore con la statua di un santo nero, ballava davanti alle croci in fiamme, simbolo del movimento del Ku Klux Klan. Nel testo della canzone, Madonna introduceva parole liturgiche, ispirate dalla educazione cattolica, ma ne stravolgeva il contesto.

Ne seguirono le proteste del Vaticano. La regina del pop si ripresentò un anno dopo con “Justify My Love”, ma anche in questo caso provocò una feroce polemica:  il video diretto dal fotografo di moda francese Jean-Baptiste Mondino la ritraeva pratiche di bondage in un hotel, MTV si rifiutò di trasmetterlo. Gli attori hanno successivamente rivelato che i confini tra lo spettacolo e la realtà erano diventati molto sottili durante le riprese. Il video raggiunse record di vendita, prima della comparsa di Youtube. Madonna ha anche fatto scalpore durante le tournée.

Durante la performance live di “Like a Virgin”, durante il tour Blond Ambition, la cantante simulò una masturbazione: come viene raccontato in un documentario, la polizia canadese minacciò di arrestarla per la sua esibizione a Toronto. Nel 2003, durante i VMA Madonna, Britney Spears e Christina Aguilera si esibirono nella performance di “Like a virgin” sul palco, con un doppio bacio tra lei e le due giovani popstar. Madonna ha poi fatto un’apparizione a sorpresa al festival di Coachella in California nel 2015, baciando il rapper Drake.

Nell’anno in cui compie 60 anni Madonna ,ha scelto una sorta di “buen retiro” europeo, in Portogallo. Da qualche tempo infatti Madonna ha scelto di vivere a Lisbona: “Sentivo che avevamo bisogno di un cambiamento e volevo andare via per un po’, questo non è il momento migliore per l’America” raccontato a Vogue Italia che le ha dedicato la copertina di agosto. “Ho già vissuto in altri posti; a Londra sono stata dieci anni. Mi piace mettermi in situazioni scomode e rischiare”ha aggiunto.

Il suo unico obiettivo ora,  scrive Vanity Fair, “è essere madre nel miglior modo possibile”. Con lei ci sono quattro dei suoi sei figli: David Banda e Mercy James, 12 anni, e le gemelle Stella e Esther, 5, tutti adottati negli anni in Malawi (gli altri due sono Lourdes, 21, avuta da Carlos Leon, e Rocco da poco 18enne, nato dall’amore col regista Guy Ritchie).

Tanti i messaggi di auguri che le sono arrivati sui social, sia dai fan che da molti personaggi famosi: “Buon 60esimo compleanno alla donna dei miei sogni da quando avevo 13 anni” ha scritto David Walliams su Twitter. “Buon compleanno a Madonna! Avevo 14 anni quando ballavo e cantavo nella mia stanza e lei era semplicemente WOW!! Che forza e ispirazione” scrive invece Kylie Minogue. Antonio Banderas: “Tanti auguri!”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aretha Franklin morta, addio alla regina del soul: aveva 76 anni

prev
Articolo Successivo

Al Bano protagonista di una serie tv: “Sarò un maestro elementare in pensione. Da marzo sul set”

next