Cosa resta del trio J-Ax, Fedez e Rovazzi? Niente o quasi. A dirlo è lo stesso Fabio Rovazzi: “Con J-Ax è tutto a posto, sul resto non rispondo” ha spiegato il cantante in un’intervista al Corriere della Sera in cui ha parlato della fine dell’amicizia con il rapper futuro marito di Chiara Ferragni.Risanare i rapporti? Dipende dal tempo. Quando litighi o hai un’incomprensione, il tempo aiuta. Sulle scuse, sui motivi, non è che raccontandoli a un giornale migliori le cose. Certo che soffro per questa situazione, i rapporti sono la cosa più bella della vita” ha detto. Di sicuro però, al momento Rovazzi non è tra gli invitati al matrimonio dell’anno. Ancora non si sa il motivo della rottura e guai a chiederlo: “Mi fa impazzire che tutti cerchino il motivo della rottura… Anche sugli auguri per la nascita del figlio… Non è che se non li vedi su Instagram, non glieli ho fatti” ha puntualizzato il cantante. E sull’abbandono dell’etichetta Newtopia, si è limitato a dire che “volevo creare una mia realtà”.

Ma se con J-Ax e Fedez l’intesa è finita, Rovazzi ha già creato un nuovo sodalizio artistico con due big della musica italiana, Gianni Morandi e Al Bano, con i quali duetta nella sua hit estiva Faccio quello che voglio: “Volevo mostrare me e Morandi come coppia reduce da un successo, mentre peschiamo indossando camicie di Versace e parliamo della vita. Al Bano c’è perché lo stimo molto: in quel punto doveva cantare una persona credibile nel dare un consiglio” ha detto. “Stando con loro impari. Gianni, col successo che ha, potrebbe dire basta, ma vuole bene alla gente. Va lui da loro. Entra in un posto e dice: vuoi fare una foto con me? Al Bano ha una concezione dello sharing che non è normale. La sua tenuta pugliese è incentrata su di lui, ma dà lavoro alla gente. Molti artisti si costruiscono un castello e finisce lì. Lui no, lui accoglie i fan” ha spiegato ancora Rovazzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Federico Chimirri, ecco chi è la nuova fiamma di Silvia Provvedi (che ha preso il posto di Fabrizio Corona)

prev
Articolo Successivo

Daddy Yankee, un sosia si fa aprire la cassaforte e gli ruba diamanti e gioielli per oltre 2 milioni di euro

next