La musica è sempre più al nostro fianco: Guns N’ Roses quando corriamo, Kendrick Lamar quando lavoriamo, Pavarotti quando facciamola spesa. Da oggi però la musica invade anche le nostre Stories di Instagram. Foto e video che condivideremo “in diretta” con il profilo IG possono infatti dire addio a soundtrack mal registrate o improvvisate con il beatbox perché (anche) in Italia è arrivato il bottoncino magico per appiccicare brani alle nostre Storie.

Non servirà nessun doppio o triplo passaggio o qualche app di terze parti. Quando inizieremo una Stories basterà cliccare in alto a destra sullo smile come per selezionare uno sticker, qui comparirà un nuovo hashtag con la scritta Musica: non si può sbagliare. A quel punto ognuno di noi diventerà uno Steven Spielberg 2.0 e potrà scegliere la colonna sonora giusta per la propria Storia, pescando direttamente dai brani della nostra libreria oppure dallo store creato apposta da Instagram con migliaia di canzoni divise per generi, popolarità e addirittura stati d’animo. Se avete già provato la nuova release e non avete ancora trovato il brano giusto, non abbiate paura: Instagram, con un comunicato ufficiale, ha fatto sapere che ogni giorno aggiungerà nuovi brani alla libreria per soddisfare tutti i gusti.

Per solleticare la fantasia dei registi dei social network, inoltre, Instagram ha aggiunto anche altre due piccole chicche: prima di tutto,aprendo la sezione Stories, sotto l’icona della fotocamera per scattare o registrare apparirà la nuova opzione “Musica” che permetterà di visualizzare e ascoltare i brani prima ancora di condividere e, in più, si potrà anche scorrere in avanti o indietro lungo il brano per scegliere i 12 secondi giusti (il massimo consentito) da inserire nella storia. Chi starà dall’altra parte della storia vedrà l’etichetta con il titolo del brano in sottofondo e applaudirà. And the Oscar goes to…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Angelina Jolie, è guerra aperta con Brad Pitt: “Vuole uccidere ogni suo rapporto con i figli. È animata da collera sorda e senza fine”

prev
Articolo Successivo

Nina Moric molla tutto e corre in Puglia da Fabrizio Corona per riabbracciare il figlio Carlos

next