C’è stato un periodo lungo in cui litigavamo spessissimo. Io volevo solo andare in giro a fare casino, ubriacarmi, limonare, ma lo facevo troppo e spingevo, anche oltre quello che lei avrebbe sopportato”, aveva rivelato Aurora Ramazzotti qualche mese fa in un’intervista al settimanale F. Quello che sembra essere un rapporto simbiotico e forte ha vissuto, come capita in molte famiglie, alti e bassi.

Michelle Hunziker ha ammesso che la vita sregolata della figlia le ha creato non pochi problemi e al settimanale Oggi ha raccontato un episodio significativo: “Una sera è successo quello che noi mamme temiamo: ero al nono mese di gravidanza di Sole e mi è arrivata la fatidica telefonata alle due e mezza di notte. Auri si era sentita male e aveva perso i sensi a causa dell’alcol“. Era il 2013 e Aurora aveva solo diciassette anni, la corsa in ospedale e la paura per le conseguenze: “Per fortuna mi è venuto in mente di farla portare in un ospedale pediatrico visto che era minore. Quando sono arrivata era attaccata all’elettrocardiogramma e ai tubi. Non dimenticherò mai quello spavento“.

La ragazza oggi, a distanza di anni, è cresciuta e si mostra anche sui social in maniera diversa. I vizi e gli eccessi sono stati archiviati con nuovi impegni professionali (dopo il daily di X Factor ha lavorato con sua madre a Vuoi Scommettere?) e una stabilità sentimentale arrivata grazie all’amore per Goffredo Cerza. “Piano piano è maturata. Però mi sono sentita in dovere di darle un aut aut serio e imporle di non frequentare più le due persone che per lei erano deleterie. Probabilmente per un po’ mi ha detestato ma ora mi ringrazia tantissimo“, ha concluso la conduttrice.

La showgirl svizzera tornerà ancora una volta dietro il bancone di Striscia la notizia e condurrà su Canale 5 un concerto dedicato a Lucio Dalla. La Hunziker prepara per l’autunno una sorpresa professionale, sarà infatti imprenditrice di un progetto che si occuperà del mondo delle donne e dei bambini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rick Genest morto, si è suicidato a 32 anni “Zombie Boy”. Il dolore di Lady gaga: “Salviamoci a vicenda dalla depressione”

prev
Articolo Successivo

Hakan Calhanoglu, altro colpo di scena nel “drammatico” divorzio. La ex Sinem: “Sì, sono incinta”

next