Prima l’escalation fatta di accuse, offese personali e minacce, quindi la mano tesa con l’invito ad abbassare i toni allo scopo aprire un dialogo. Una strategia che ha portato i suoi frutti nei rapporti con Kim Jong-un e che Donald Trump sembra stia utilizzando anche con l’Iran. Pochi giorni dopo l’ennesima lite mediatica, il presidente degli Stati Uniti ha detto di essere pronto a incontrare il presidente iraniano Hassan Rohani.

E da Teheran, dopo mesi di muro contro muro, è arrivata una inequivocabile apertura: il dialogo è possibile. Ma se Trump durante la conferenza stampa congiunta col premier italiano Giuseppe Conte aveva detto di essere pronto a sedersi al tavolo “senza precondizioni” (“Credo in qualsiasi incontro”, nel “parlare con gli altri, in particolare quando si parla di guerra potenziale, carestia. Mi sono incontrato con Kim e non sono stati lanciati missili, ha aggiunto il tycoon), per la Repubblica islamica “la strada accidentata dei colloqui tra Iran e America” può essere intrapresa solo se gli Usa “ridurranno la loro ostilità nei confronti dell’Iran” e torneranno nell’accordo multilaterale sul nucleare del 2015. Su questo Hamid Abutalebi, consigliere del presidente iraniano Hassan Rohani, è stato chiaro. Del resto lo stesso Rohani con un tweet è tornato a definire “illegale” l’uscita degli Usa dall’intesa che fu siglata dall’amministrazione Obama insieme agli alleati europei.

Anche il segretario di stato americano Mike Pompeo ha dovuto frenare gli entusiasmi e correggere il tiro rispetto all’uscita del presidente Usa: “Siamo pronti al dialogo solo se gli iraniani si impegneranno a fare cambiamenti fondamentali su come trattano il proprio popolo e se ridurranno i loro comportamenti negativi”. E dal consiglio per la sicurezza nazionale della Casa Bianca si sottolinea come il cambiamento di atteggiamento di Teheran debba essere “tangibile e verificabile“. Allora, aggiungono i più stretti collaboratori del presidente Trump, si potrà pensare anche “a porre fine alle sanzioni, ripristinate le normali relazioni diplomatiche e commerciali, consentire all’Iran di avere tecnologia avanzata e sostenere il reintegro dell’economia iraniana nel sistema economico internazionale”. Ma senza un cambio di marcia vero – si avverte a Washington- le sanzioni a Teheran non solo resteranno ma aumenteranno.

Nella capitale iraniana però cresce il pressing perché l’offerta lanciata da Trump venga presa davvero in considerazione e non cada nel nulla. L’ex consigliere dell’ayatollah Ali Khamenei, Ali Akbar Nateq Nouri, ha sostenuto che la proposta del presidente americano non va respinta a priori. “L’atteggiamento di fondo non è negativo – ha osservato – una simile mossa da parte di Trump era prevista, coerente con il suo carattere: dà un forte calcio alla palla ma, se il contendente non mostra spavento, cambia idea e propone un nuovo scenario”.

Saranno le prossime settimane a dire se con l’ex ‘Stato canaglia‘ sarà possibile da parte dell’amministrazione Trump riprendere un percorso. Una strada che è poi quella auspicata dall’Europa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kenya, processo per l’omicidio della dottoressa Fossaceca bloccato da un anno. “Motivi burocratici”

prev
Articolo Successivo

Caso Benalla, il governo francese supera la doppia mozione di sfiducia

next