Venerdì scorso le pagine Facebook, Instagram e Twitter di Marco Mengoni erano misteriosamente sparite dalla Rete, mettendo in agitazione i fan. Ma il misterioso “black out” ha ora una spiegazione: si è trattato infatti di una trovata commerciale per lanciare il suo nuovo album che uscirà il prossimo 30 novembre. Intorno alle 14 di lunedì infatti, tutti i suoi profili sono tornati magicamente online, pubblicando un video che annuncia l’uscita del suo ultimo disco.

L’idea che si trattasse di una strategia comunicativa (e non di un attacco hacker come ipotizzato da alcuni) aveva preso piede nel weekend, quando hanno iniziato a circolare migliaia di hashtag e tweet di infervorante attesa – il cosiddetto hype -, tutti all’insegna del #WaitingForMengoni. Già, perché in questi tempi di musica 2.0, si usa ormai così: si sparisce dai social, tutti se accorgono e iniziano ad infervorarsi e poi alcune ore dopo “puff” si ritorna online facendo un grande annuncio. E questo ormai i ragazzi lo sanno: così hanno già fatto, per esempio, Taylor Swift e Adele.

Il 30 novembre 2018 è quindi la data prescelta per l’uscita del suo nuovo disco di inediti, il quinto album in studio ufficiale, dopo “Solo 2.0” del 2011, “Pronto a correre” del 2013 e, appunto, “Parole in circolo” e “Le cose che non ho” del 2015 che hanno totalizzato complessivamente 8 dischi di platino. A questi vanno aggiunti poi gli Ep “Dove si vola” del 2009 e “Re Matto” del 2010.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bandabardò, 25 anni di musica in tour

prev
Articolo Successivo

Fabio Mengozzi e Arnaldo De Felice, compositori d’oggi

next