“Se penso ai momenti più duri della mia vita penso ala mia infanzia, non mi piace parlarne”, ha detto Anna Falchi quasi commossa a Non Disturbare, programma ambientato in una stanza d’albergo in onda in seconda serata su RaiUno. “Questa volta conosceremo il suo cuore”, aveva esordito Paola Perego che in una chiacchierata a cuore aperto è riuscita a tirar fuori aspetti inediti della vita privata dell’ex modella. “Ho preso la valigia e sono partita: una valigia di speranze, mia madre ha fatto tutto da sola. Mio padre per me è un estraneo, non c’è mai stato. Non ricordo quando l’ho visto l’ultima volta e non so se lo riconoscerei. Non merita il mio perdono”, ha raccotnato la Falchi.

Rabbia legata al suo allontanamento: “La sua assenza mi ha cambiato la vita, non c’è mai stato, veniva quando voleva lui. Si è palesato solo quando sono diventata famosa: troppo tardi”. Sul fronte privato l’attrice è stata per anni al centro della scena con relazioni che hanno riempito le riviste di gossip: da Fiorello a Max Biaggi fino a Stefano Ricucci.

Il matrimonio con l’immobiliarista romano, alle prese con alcuni problemi giudiziari, è durato solo un anno: “Dopo quello che è successo, avevo di fronte a me un uomo che non riconoscevo più. Era diventato quasi uno sconosciuto e con grandissimo dispiacere non me la sono più sentita più di portare avanti il nostro percorso. Ma l’ho amato tantissimo anche se mi ha fatto tanto male.” Anna Kristiina Palomäki Falchi, vero nome della showgirl nata in Finlandia, è dal 2012 legata ad Andrea Ruggieri, nipote di Bruno Vespa e parlamentare di Forza Italia. E’ con lui che ha ritrovato la serenità e con cui garantisce “non litighiamo mai”.

Non Disturbare, convincente secondo la critica, nel corso delle settimane ha regalato numerose notizie. Dalle discusse dichiarazioni di Paola Ferrari contro Diletta Leotta e Belen Rodriguez alle rivelazioni di Naike Rivelli (“Non so chi è mio padre, scoprirlo è stato uno shock”) fino a Barbara Palombelli che ha ammesso di essere stata esorcizzata.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sky Calcio, Massimo Mauro non riconfermato: polemica sui social (e pioggia di commenti dei tifosi anti-juventini)

prev
Articolo Successivo

Ilary Blasi, quella che doveva essere l’estate della sua consacrazione si è trasformata in un “doppio flop”: ecco perché

next