È un italiano di 50 anni, incensurato, il responsabile del ferimento di una bimba rom la scorsa settimana alla periferia sud-est di Roma. Secondo la ricostruzione dell’uomo, ora indagato per lesioni gravissime,  il colpo sarebbe partito accidentalmente mentre controllava in terrazzo l’arma che si era inceppata: “Non mi sono accorto di aver ferito la bimba” ha detto l’uomo ai carabinieri della compagnia Casilina che indagano.

La Procura disporrà una perizia balistica per capire il tipo di arma usata dall’uomo. Il 50enne è stato a lungo interrogato ieri e ha confermato le accuse dicendo che si è trattato di un incidente. Gli inquirenti hanno trovato nell’appartamento anche una carabina e una pistola ad aria compressa.

L’episodio è avvenuto martedì scorso nel quartiere romano di Centocelle: la madre stava camminando in via Palmiro Togliatti con la figlia in braccio, quando si è accorta del sangue che le colava schiena. La piccola è stata portata subito in ospedale, prima al Pertini, e poi al Bambino Gesù, dove è stata sottoposta ad un lungo intervento chirurgico. Le sue condizioni sono ora stabili, ma tuttora gravi.

Marco A., 58 anni, ex dipendente del Senato, è stato individuato grazie a indagini “tradizionali” dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma. Partendo dal calibro, i militari hanno visitato una per una le armerie della zona e hanno scoperto chi di recente aveva acquistato quei piombini. Così sono arrivati a lui. In casa aveva un fucile e una pistola aria compressa di libera vendita, non serve porto d’armi perché di potenza inferiore ai 7,5 joule. L’uomo è  incensurato e al momento non c’è nulla che faccia pensare a matrice razzista, ma le indagini sono solo all’inizio. Di fronte alle contestazioni, ai Carabinieri di via in Selci, alla presenza del suo avvocato, ha ammesso di avere esploso un colpo, partito, a suo dire, in maniera accidentale. La sindaca di Roma Virginia Raggi ha visitato la piccola ricoverata al Bambin Gesù.
Ha collaborato Vincenzo Bisbiglia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, candidato della Lega estrae pistola contro immigrato accusato di aver molestato la compagna e la figlia

next
Articolo Successivo

Roma, il carcere Regina Coeli è senza acqua a causa della rottura di una tubatura

next