Sette anni all’ex presidente di Stt, società partecipata del comune di Parma, Andrea Costa, quattro anni e sei mesi all’ex vicepresidente di Iren Luigi Giuseppe Villani (anche ex dirigente parmigiano di Forza Italia) e tre anni all’ex editore Angelo Buzzi. Sono queste le sentenze di primo grado emesse oggi dal Tribunale di Parma per l’inchiesta Public Money. Il collegio giudicante, presieduto da Mattia Fiorentini, ha accolto di fatto la tesi della Procura di Parma che aveva accusato i tre di peculato e corruzione.

Con loro finirono indagate a vario titolo per corruzione e peculato in tutto 17 persone tra consulenti, giornalisti e imprenditori che facevano parte del “sistema Parma”, che in pochi anni ha generato un buco di oltre 800 milioni di euro nelle casse comunali lasciato poi in eredità alla giunta Cinque stelle di Federico Pizzarotti.

L’indagine, chiamata Public money, risale al 2013 e coinvolse anche l’allora sindaco di Parma Pietro Vignali che finì ai domiciliari. L’ex primo cittadino nel novembre 2015 aveva patteggiato una pena di due anni con pena sospesa, accettando di versare un risarcimento di quasi un milione di euro al Comune di Parma. Secondo gli inquirenti fra il 2007 ed il 2011 vennero sottratte ingenti somme di denaro pubblico tramite società partecipate e finte fatturazioni. La richiesta di rinvio a giudizio risale al febbraio del 2014.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nave Diciotti, Davigo: “Salvini e le manette ai migranti? Un ministro non può dare ordini alla magistratura”

prev
Articolo Successivo

Severino Antinori prosciolto dall’accusa di traffico illecito di ovociti dal gup

next