Ieri l’annuncio in una conferenza stampa al rientro dall’Egitto oggi il Ministro dell’Interno Matteo Salvini, intercettato fuori da Montecitorio risponde ad alcune domande sulla vicenda di Giulio Regeni e sulla mancanza dei responsabili della morte del giovane ricercatore italiano a due anni e mezzo dalla sua morte, contornata di misteri e depistaggi.
“Ho avuto garanzie di tempi certi e risposte certe sulle colpe e sui colpevoli. Io penso che quello che mi è stato detto ieri avrà delle conseguenze in non molto tempo”. Ma anche sui filmati della metro il Ministro italiano non ha ottenuto risposte certe: “Se il presidente Al Sisi mi dice avrete chiarezza non metto becco sui tempi della giustizia egiziana, però mi fido del Presidente”. Ma Salvini, sollecitato dai giornalisti alla domanda se ha chiesto tempi per il raggiungimento della verità si limita a dire: “Ho buone speranze che si siano risposte a breve”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nomine, convocato e sconvocato vertice a Palazzo Chigi. Giorgetti: “Slittamento? Chiedete a chi decide procedure”

prev
Articolo Successivo

Inps, Boeri: “Pronto a lasciare se richiesto da istituzioni. Non prendo in considerazione richieste online”

next