Un giornalista è stato portato fuori a forza dalla sala della conferenza stampa congiunta di Donald Trump e Vladimir Putin, nel palazzo presidenziale finlandese a Helsinki, poco prima che i due leader cominciassero a parlare. Nelle immagini si vede il reporter che tiene un cartello su cui si legge “Nuclear Weapon Ban Treaty”. Il giornalista è stato identificato come Sam Husseini, direttore dello U.S. Institute for Public Accuracy, che era stato accreditato per la testata “The Nation” per seguire il summit.
Dopo il tentativo senza successo di togliere il cartello dalle mani del giornalista, Husseini è stato portato via da diversi agenti del Secret Service, scrive la stampa Usa. In una nota ‘The Nation’ afferma: “In un periodo in cui questa amministrazione (Trump, ndr) denigra sistematicamente i media, siamo preoccupati dalle notizie che lui (il giornalista, ndr) è stato portato via a forza dalla conferenza stampa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il salvataggio è da film: l’elicottero è costretto a fare una manovra impossibile sulla cima del monte. Come finirà?

next
Articolo Successivo

Helsinki: Trump e Putin, i Gianni e Pinotto del Russiagate

next